Triplicati i porti d'arma nel corso dell'ultimo anno

L'incremento è determinato dalle nuove norme sulla detenzione

Sono quasi triplicati i porti d'arma rilasciati nell'ultimo anno dalla Questura di Udine. Sono oltre 2000, al netto di quelli rilasciati dai competenti commissariati di Cividale del Friuli e Tolmezzo.

L'incremento è determinato dalle nuove norme sulla detenzione, che hanno imposto ai detentori con certificato medico di idoneità rilasciato da più di sei anni di presentarne uno nuovo. Molti hanno scelto così, presentando il nuovo certificato, di richiedere anche il porto d'arma che, a differenza della detenzione, consente di spostare pistole e fucili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Finora sono circa 500 le armi (pistole e fucili), a Udine, di cui i titolari di detenzione hanno deciso di sbarazzarsi per non produrre il certificato. Sono state consegnate in Questura e saranno avviate al centro Cerimat Esercito per la distruzione. Il termine per la presentazione del certificato è scaduto a maggio. La Questura sta inviando la diffida a ottemperare alle prescrizioni ai ritardatari. A Udine sono un centinaio. Avranno tempo 30 giorni dalla notifica, pena il ritiro delle armi. L'invito, della Divisione Pasi della Questura di Udine, è di rivolgersi a Questura, commissariati o comandi stazione Carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prova la moto da cross in cortile e perde la vita

  • Un malore improvviso la stronca a 31 anni, muore giovane mamma

  • Nuovo test per il coronavirus: la scoperta all'ospedale di Udine

  • Le fabbriche riaprono in deroga e i sindacati insorgono: proclamato lo stato di agitazione

  • Fingono di pagare la piscina ma incassano davvero il resto, denunciate per truffa

  • Al supermercato con naso e bocca coperti, l'ultima ordinanza di Fedriga

Torna su
UdineToday è in caricamento