Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

I treni nostri locali sono sicuri? «Niente allarmismi»

La valutazione è fatta dal Comitato pendolari Friuli Venezia Giulia, che prendendo atto della tragedia verificatasi in Puglia ha voluto chiarire alcuni aspetti per evitare psicosi e fraintendimenti nel nostro territorio

In seguito al terribile incidente verificatosi in Puglia il Comitato Pendolari del Friuli Venezia Giulia dice la sua sulla sicurezza delle tratte locali nella nostra regione. 

A margine dell'incidente terribile di oggi, per il quale non si può che esprimere dolore e vicinanza, occorre evitare la psicosi e forme di disinformazione. Per questo, alcuni promemoria. 

UNA LINEA A BINARIO UNICO NON È DI PER SÉ PERICOLOSA. La rete RFI (FS) è dotata di sistemi automatizzati di sicurezza per cui due treni non possono trovarsi sulla stessa sezione di blocco (tratta).  Esistono alcune linee secondarie in Italia (non RFI) che hanno ancora in parte sistemi più vulnerabili (sulla linea pugliese del grave incidente gli impianti più moderni non sono su tutta la linea e l'incidente si è verificato proprio su un pezzetto di linea ancora gestito con sistemi ormai piuttosto desueti come il "blocco telefonico"; questo senza voler attribuire cause alla tragedia ma solo per riportare un quadro di fatto). Sulle linee RFI in Friuli Venezia Giulia, anche qualora a semplice binario, così come nel resto d'Italia, gli standard di sicurezza sono ormai molto elevati. 

NIENTE ALLARMISMI. Non c'è motivo, quindi, di allarmismi. Non resta che auspicare che anche le linee secondarie fuori rete nazionale, che poi secondarie non sono, adeguino via via gli standard (ovvero: che gli indirizzi di politica dei trasporti locale e nazionale vadano in tal senso).

L'ALTERNATIVA AL TRENO. Sarebbe l'auto? Purtroppo sarebbe potenzialmente molto peggio. Il numero di morti sulle strade in un weekend è stato spesso superiore a quello del singolo incidente ferroviario. Dopo l'incidente di Crevalcore (17 persone morte in uno scontro tra due treni il 7 gennaio del 2005) non si sono più verificati incidenti su tratte RFI a binario unico: non è un caso. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I treni nostri locali sono sicuri? «Niente allarmismi»

UdineToday è in caricamento