Trasferiti nel carcere di Tolmezzo cinque detenuti contagiati: il sindaco si ribella

Il primo cittadino Francesco Brollo ha scritto una lettera al Ministro della Giustizia per avere chiarezza sui cinque detenuti trasferiti con Covid 19 da Bologna a Tolmezzo

Il carcere di Tolmezzo

Il sindaco di Tolmezzo Francesco Brollo ha inviato una lettera di protesta al Ministero della Giustizia per i 5 casi di positività riscontrati tra i detenuti trasferiti da Bologna nella casa circondariale del capoluogo carnico. “Con una mano ci hanno tolto il tribunale, con l’altra ci portano il Coronavirus”

La lettera

Inoltro formale protesta per il trasferimento dei detenuti che – ovviamente loro malgrado – hanno causato un focolaio all’interno della casa circondariale. In tempi normali l'unica possibilità ragionevole per un Sindaco sarebbe esigere l'immediato trasferimento; ora pur comprendendo le criticità che tale operazione richiederebbe, chiediamo comunque in via principale che si valuti l'allontanamento in altra zona, in subordine ci aspettiamo senza indugio dalla Sua amministrazione che venga messo in campo ogni mezzo atto impedire il diffondersi del contagio all’interno del carcere – tra detenuti e operatori che lavorano –nonché a impedire che il medesimo si possa diffondere tra le famiglie dei lavoratori e, in seconda istanza, tra la popolazione extra carceraria. Infine faccio formale richiesta affinché non vengano più effettuati trasferimenti di detenuti in pendenza della fase emergenziale da COVID-19

Questa la conclusione della lettera del sindaco, che si è espresso anche a nome del territorio della Carnia come Presidente della omonima Uti, inviata alla Direzione Generale Detenuti e Trattamento del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria e ai dipartimenti competenti, nonché per conoscenza al Ministro Bonafede, al Presidente Fedriga e al Vicepresidente Riccardi.

Il disappunto

Tra i motivi di disappunto evidenziati dal sindaco, il fatto che “di tutto c‘era bisogno tranne che di dare una mano alla diffusione del virus che è già molto virale di per sé, in un territorio che si sta dimostrando attento nelle misure di contenimento. In tutto questo – aggiunge il sindaco – ribadiamo la fiducia in medici e operatori della azienda sanitaria e siamo a fianco di tutti coloro che lavorano o prestano il proprio volontariato per battere il virus, sia dentro che fuori dal carcere. Siamo altresì vicini a tutti coloro che stanno vivendo questa vicenda con comprensibile preoccupazione, dai lavoratori del carcere ai loro familiari, ai detenuti medesimi”.

Risentimento istituzionale

Il primo cittadino di Tolmezzo, cita una triplice motivazione di risentimento istituzionale generato dalla vicenda delle positività importate nella Casa Circondariale di Tolmezzo:

- un’azione esterna mette a rischio la salute della comunità e innesta in un contesto cittadino un focolaio potenzialmente in grado di impattare sulla salute di una comunità che sta facendo con successo fronte comune nei confronti del morbo

- tutto ciò risulta particolarmente frustrante in un comune dove vigono provvedimenti più stringenti rispetto alla normativa nazionale (ad esempio con le ordinanze di sospensione del mercato settimanale anche dei generi alimentari, ammessi dalla norma nazionale), proprio per rafforzare le misure di prevenzione.

- ciò è avvenuto in un luogo che, nel dare e avere tra Stato e comunità locale in tema di giustizia e della sua amministrazione, Tolmezzo e la Carnia “hanno già dato” e non abbisognano di ulteriori pretesti di sfiducia verso l’autorità centrale, così poco sensibile verso la periferia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il riferimento è infatti ai provvedimenti di revisione della geografia giudiziaria che hanno portato alla chiusura del Tribunale e della Procura della Repubblica di Tolmezzo nel 2013, che hanno rotto un implicito patto di lealtà istituzionale tra amministrazione centrale e locale che si traduceva nella reciproca giustificazione di presenza tra l’importante casa circondariale e il Tribunale. Più volte, nel susseguirsi di incontri tra rappresentanti delle istituzioni locali e quelli ministeriali, il mantenimento del Tribunale era stato assicurato giustificandone la permanenza proprio in funzione del fatto che in loco è presente un importante carcere. "Con una mano il Ministero toglie i presìdi di giustizia e con l’altra dà occasione di trasmissione del virus”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento