menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Traffico di documenti sospetti tra l'Ucraina e l'Italia, stroncato giro di falsari

L'operazione è stata condotta dalla Squadra Mobile di Trieste e coordinata dalla Procura della Repubblica giuliana. Novantadue indagati, arresti e perquisizioni in tutta Italia

Novantadue indagati, decine di perquisizioni ed altrettanti sequestri di documenti falsi in tutta Italia. È questo il bilancio di una articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Trieste e svolta dalla Squadra Mobile della Questura giuliana, che ha consentito di fare luce su un traffico transnazionale di documenti falsi, tutti in apparenza rilasciati dalle autorità polacche, che dei soggetti operanti in Ucraina inviavano – grazie alla mediazione di complici residenti a Trieste – a clienti, quasi esclusivamente stranieri, disposti a pagare cifre comprese tra i 1.500 ed i 1.800 €. 

Le zone interessate

L'operazione della Squadra Mobile ha interessato le province di Aosta, Arezzo, Bergamo, Brescia, Caserta, Alessandria, Como, Milano, Torino, Cremona, Cuneo, Ferrara, Firenze, Foggia, Grosseto, L'Aquila, Latina, Livorno, Lodi, Macerata, Mantova, Massa Carrara, Modena, Monza Brianza, Novara, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Prato, Ravenna, Roma, Trapani, Trento, Udine, Venezia, Verona, Vicenza e Viterbo. 

L'indagine

L’indagine nasce dall’arresto di un ragazzo turco di 20 anni residente a Trieste, il quale, nell’aprile 2020, era stato trovato in possesso di 700 grammi circa di marijuana destinata allo spaccio sulla piazza locale. Da approfondimenti investigativi è emerso come questi fosse in contatto con altro connazionale del 1992, operaio residente a Trieste, nel frattempo trasferitosi in provincia di Monza Brianza, collegato con dei soggetti operanti in Ucraina specializzati nella produzione di documenti falsi, inviati direttamente ai destinatari tramite corriere e con mittente inesistente, a fronte della corresponsione di somme in denaro inviate tramite circuiti internazionali di pagamento. 

Pertanto, si è eseguita una dettagliata analisi delle spedizioni effettuate dall’Ucraina all’Italia, verificando come in un centinaio di casi il plico inviato fosse, per dimensioni e peso, compatibile con dei documenti.

Incrociando il contenuto di alcune conversazioni tra gli indagati con le spedizioni effettuate tramite corriere, sono stati individuati 92 soggetti, potenziali detentori di documenti falsi; di essi solo due italiani (residenti in provincia di Vicenza e di Pistoia) ed i restanti tutti stranieri di diverse nazionalità, dimoranti oltre che a Trieste, in diverse regioni di Italia ed in particolare Valle d’Aosta, Toscana, Lombardia, Piemonte, Puglia, Abruzzo, Lazio, Emilia Romagna, Veneto, Sicilia, Trentino Alto Adige, Marche.

Perquisizioni

Sulla scorta delle risultanze investigative, il P.M. titolare del fascicolo d.ssa Lucia Baldovin ha emesso altrettanti decreti di perquisizione personale e locale che sono stati eseguiti nei giorni scorsi dalla Squadra Mobile della Questura di Trieste e da altre 40 Squadre Mobili, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato di Roma.

All’esito sono stati sottoposti a sequestro complessivamente 40 patenti di guida, otto carte di identità, due permessi di soggiorno, 13 certificati per abilitazione alla guida anche di veicoli pesanti/trasporto merci pericolose, due diplomi scolastici, falsi, tutti apparentemente rilasciati dalle autorità polacche, nonché numerosi apparecchi cellulari contenenti elementi utili per il prosieguo investigativo. Dalle chat esaminate dagli investigatori è emerso come su alcuni profili facebook fosse pubblicizzata in lingua turca la possibilità di ottenere la patente di guida “senza esami e senza stress”, con consegne in tutta Europa. 

Oltre alle intrinseche situazioni di rischio che derivano dal possesso di documenti falsi in ordine all’utilizzo degli stessi, particolarmente allarmante è il possesso di patenti e certificati di abilitazione alla guida, anche di mezzi pesanti, da parte di quanti non abbiano effettuato alcun esame ma che si pongono alla guida di veicoli, mettendo in concreto pericolo l’incolumità propria e degli utenti della strada.

Tra i soggetti perquisiti a Trieste, un cittadino di nazionalità turca è stato anche tratto in arresto poiché trovato in possesso non solo di una patente falsa ma anche di una carta di identità valida per l’espatrio mai rilasciata dalle autorità polacche. Le indagini sono ancora in corso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento