rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Remanzacco

Nuovo atto intimidatorio per l'imprenditore friulano Carlo Tonutti

Un ordigno esplosivo rudimentale nella cassetta delle lettere dell'abitazione del produttore di mezzi agricoli

Una bottiglietta che conteneva benzina con dei fili elettrici che uscivano dal tappo collegati ad un timer. E' questo l'ordigno esplosivo rudimentale che è stato trovato nella cassetta delle poste dell’imprenditore friulano Carlo Tonutti nella giornata di martedì. A fare la tremenda scoperta la moglie rientrata a casa solo a tarda sera e che non si sarebbe accorta immediatamente della gravità del gesto.

Come riporta il Gazzettino, una volta compreso che poteva trattarsi di una bomba la famiglia ha chiamato i carabinieri, intervenuti  poco dopo con gli artificieri. Non è ancora chiaro se l’ordigno avrebbe potuto esplodere.

Per l’imprenditore si tratta di un grave atto intimidatorio: qualcuno sarebbe contro il rilancio della Tonutti Wolagri di Remenzacco che produce mezzi agricoli e che ha attraversato diverse vicissitudini negli ultimi anni. In realtà la bottiglietta-bomba è solo l’ultimo caso di lunga serie di intimidazioni per Tonutti che negli ultimi anni è stato minacciato più volte: in passato ricevette una lettera contenente dei proiettili, una bomba scoppio nell’area uffici dell’ azienda ed in più negli ultimi giorni l’allarme della casa della famiglia Tonutti era scattato più volte e in giardino era stato trovato un animale morto

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo atto intimidatorio per l'imprenditore friulano Carlo Tonutti

UdineToday è in caricamento