menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terrorismo, la Digos di Udine fa espatriare un 32enne ceceno

L'uomo era arrivato in città un paio d'anni fa, e da dicembre non si faceva più vedere. È stato intercettato in un bed&breakfast di Roma

È sospettato di essere legato ad ambienti jihadisti, ed è stato trovato in un bed & breakfast di Roma. Si tratta di un cittadino russo - di origine cecena - di 32 anni, scovato nella giornata di giovedì dagli agenti della Digos assieme ad una connazionale di 31 anni. L'uomo, giunto a Roma il giorno precedente proveniente da Colonia, era infatti oggetto di una “riservata vigilanza” inserita dalla Germania nonché di attività investigativa espletata della Digos della Questura di Udine, che aveva monitorato il russo da tempo, visto che arrivò in Italia proprio nel capoluogo friulano un paio d'anni fa. Da dicembre però non si era fatto più più vedere a Udine.

PROTEZIONE SUSSIDIARIA - Proprio in seguito a queste attività, il 13 aprile scorso, allo straniero era stato revocato lo status di protezione sussidiaria precedentemente concessa. La perquisizione nella stanza dove ha alloggiato la coppia ha dato comunque esito negativo riguardo alla presenza di armi o documentazione di stampo integralista.

POSIZIONE IRREGOLARE - Gli stranieri sono stati comunque accompagnati all'ufficio immigrazione, dove si è accertata la posizione irregolare del cittadino russo sul territorio nazionale. Per l'uomo, dunque è stata avviata la procedura d'espulsione ed è stato accompagnato al Cie di Torino, in attesa di tornare al paese d’origine, mentre per quanto riguarda la donna, in regola con la normativa sul soggiorno, sono in corso ulteriori accertamenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento