Cronaca Centro / Via Cavour, 14

Casa Cavazzini, i lavori per farla diventare museo internazionale terminano a luglio

L'apertura al pubblico è prevista il 16 ottobre 2021: nella collezione permanente verrà esposta una tela di Gianni Borta. Previsto l'acquisto di opere di artisti locali con fondi del Comune

Casa Cavazzini - Udine

Continua a ritmo serrato il restyling del Museo di Arte Moderna e Contemporanea nel prestigioso palazzo di Casa Cavazzini, in centro storico a Udine. “Seguendo tutte le cautele e le disposizioni di sicurezza date dalla situazione contingente, i lavori di ristrutturazione del museo proseguono alacremente e secondo le tempistiche previste. Per cui possiamo affermare che i lavori termineranno certamente per gli inizi di luglio.” – ha detto l’assessore alla cultura del Comune di Udine, Fabrizio Cigolot. Un intervento complesso che mira ad adeguare il Museo agli standard internazionali espositivi, climatici, illuminotecnici e di sicurezza, al fine di consentire l’allestimento anche di mostre temporanee di livello internazionale. Sono stati riprogettati gli spazi interni per rendere i collegamenti verticali e i percorsi orizzontali all’interno dell’area espositiva più completi e fruibili al pubblico, anche nelle parti dedicate alle collezioni permanenti.
“Abbiamo già la data della riapertura al pubblico." – ha continuato l’assessore Cigolot – Il 16 ottobre 2021 inaugureremo una mostra dal titolo La forma dell’infinito, organizzata dal Comitato di San Floriano, che conterrà opere di grandi artisti di fine ‘800 e metà ‘900.”

Valorizzazione artisti locali

Proprio in virtù di questo progetto, in atto per il museo di Casa Cavazzini, oggi, 10 maggio 2021, è stato presentato alla stampa un quadro dell’artista udinese Gianni Borta, acquistato, insieme ad altre due tele di altri artisti, grazie a fondi del Comune. Alla presenza del sindaco Pietro Fontanini, dell’assessore alla cultura Fabrizio Cigolot e dell’artista udinese, protagonista della corrente cosiddetta di arte naturalistica, è stata svelata, in anteprima, una tela del maestro che fa parte del ciclo Naturalismo del fiore

borta fontanini cigolot-2
“Con orgoglio presentiamo quest’opera, un quadro emozionante, di un artista della nostra città che tanto lustro ha data proprio a Udine. Un pittore che è sicuramente riferimento espressivo non solo per la cultura cittadina ma anche per quella regionale." – ha dichiarato il sindaco Fontanini – “Abbiamo in programma altri acquisti prestigiosi, soprattutto di artisti locali, per rendere le esposizioni permanenti di Casa Cavazzini vera espressione della cultura friulana.”

L'opera

Il quadro esposto è frutto di una grande ricerca dell'artista e sviluppa un tema legato alla natura ma con un astrattismo caratterizzato da un forte senso del colore. Si tratta di  una composizione di stampo neosurrealismo. “Il mio principale obiettivo è lasciare l’osservatore senza fiato, completamente coinvolto dall’opera, da non riuscire a staccare gli occhi da essa. Voglio dare la chiave per entrare nel mistero della pittura con un messaggio di energia creativa, vibrazione positiva e un’incredibile vitalità” ha concluso Gianni Borta. Nel corso della sua lunga carriera, l’artista ha esposto ovunque, in Italia e all'estero, ottenendo molti riconoscimenti. Ha effettuato lunghi soggiorni nelle capitali dell'arte, a cominciare da Parigi, e nei suoi numerosi viaggi, spesso avventurosi, ha sempre tratto esperienze significative tradotte poi con passione in opere in cui si riconosce un forte richiamo alla natura.

quadro-4

In questi mesi difficili, in cui anche i musei sono stati costretti a chiudere i battenti in attesa di tempi migliori, l’amministrazione della città di Udine sta mettendo in atto diverse soluzioni e punta a diventare un nuovo polo turistico museale, contribuendo anche a risollevare il settore turismo che ha subito più degli altri la grave crisi economica causata dalla pandemia COVID19.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa Cavazzini, i lavori per farla diventare museo internazionale terminano a luglio

UdineToday è in caricamento