Cronaca

Molesta una collega, licenziato tecnico radiologo dirigente sindacalista

I fatti risalgono al 2006 e al 2007, quando l'uomo si trovava in distacco sindacale a Roma: per due volte ha tentato di molestare una collega, che lo ha denunciato

Un tecnico radiologo che risiede a Tavagnacco e lavorava in Friuli è stato condannato a 1 anno e 8 mesi per tentata violenza nei confronti di una ex collega durante un distacco sindacale a Roma. A quanto riferisce il Messaggero Veneto, la difesa ha cercato di ottenere l'annullamento del licenziamento per giusta causa inflitto dall'Azienda Sanitaria universitaria integrata di Udine a settembre del 2018. Il provvedimento, però, è stato confermato sia dal giudice del lavoro che dal giudice d'appello.

I fatti

A quanto riferisce il Messaggero Veneto, i fatti risalgono al 2006: nel novembre di quell'anno l'uomo, segretario generale dell'Unione sindacati autonomi europei, ha tentato degli approcci sessuali nei confronti di una dipendente del sindacato all'interno di un ascensore. Fatto reiterato all'interno dell'ufficio dell'uomo un anno dopo. In entrambi i casi la donna aveva rifiutato le avances denunciando i fatti. Nel 2008 la Squadra mobile di Udine ha eseguito l'ordinanza di applicazione della misura degli arresti domiciliari disposta dal gip di Roma. La pena è stata poi sospesa con la condizionale.

Il licenziamento

Dopo la sentenza è arrivata però la decisione dell'ospedale di licenziare l'uomo, che lavorava al Santa Maria della Misericordia dal 1977. Decisione confermata dal tribunale del lavoro e impugnata dallo stesso sindacalista. Il giudice ha però confermato il provvedimento anche alla luce di testimonianze che hanno riferito "cadute di stile" per l'uso di "linguaggio sessuato e volgare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molesta una collega, licenziato tecnico radiologo dirigente sindacalista

UdineToday è in caricamento