menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tendone tanto discusso di piazza San Giacomo

Il tendone tanto discusso di piazza San Giacomo

Il tendone Coop in piazza San Giacomo non piace agli esercenti

"Vogliamo essere più coinvolti e usare lo spazio a disposizione. Servono regole più precise, perché noi abbiamo mille vincoli per poter organizzare degli eventi in piazza". Così i primi commenti a caldo

Il tendone Coop allestito in piazza San Giacomo per l'assemblea di domenica non piace ai commercianti. Non tanto per la struttura in sé, comunque imponente, quanto per il fatto che gli esercenti non sono stati coinvolti e avvertiti dell'evento.

“Nessuno ci ha spiegato a cosa serviva il tendone – spiega il titolare del caffè Elite Adriano Pez – ogni volta speriamo di poter essere coinvolti nell'utilizzo della piazza e ogni volta veniamo esclusi. Ci dispiace perché su tante iniziative si potrebbe lavorare insieme. Poi il Comune ci ha bocciato l'idea del bancone ogni giovedì al centro della piazza ad uso di tutti gli esercenti, perché copriva la fontana e ora dà l'approvazione per coprirla completamente per tre giorni interi”.

“Non sono contrario al tendone in sé – spiega il socio del caffè Ottelio Mattia Brugnerotto – perché è giusto valorizzare la piazza con le iniziative. Credo solo che ci siano due pesi e due misure: quando dobbiamo organizzare qualcosa noi, ci sono mille vincoli da rispettare e poi invece si può montare una struttura enorme nel giro di poche ore. Inizialmente i bagni chimici dovevano essere installati proprio davanti ai tavoli del nostro locale, ci siamo opposti, non possiamo servire champagne davanti ai bagni!”. Il tutto cade proprio di venerdì quando Ottelio organizza gli aperitivi con musica dal vivo.

Anche il caffè Portello ogni sabato promuove una serata particolare e con il tendone è tutto compromesso. “A volte sembra che non ci siano regole precise e valide per tutti – spiega il titolare Luca Lombardo – e non si riesce a capire cosa possiamo fare e cosa no. Noi chiediamo più dialogo, vogliamo essere informati, partecipare e poter usufruire della piazza. Con tutti i posti che ci sono in città, forse il tendone poteva essere allestito altrove!”
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento