Forni di Sopra e Forni di Sotto, cantieri a ottimo punto dopo la tempesta Vaia

Grazie all'alleanza fra amministrazione regionale, Protezione civile del Fvg e Comuni, i lavori di risistemazione dopo la tempesta Vaia procedono senza perdite di tempo. Ripartenza totale è la parola chiave

A due anni dalla tempesta Vaia, i cantieri avviati nel 2019 a Forni di Sopra e Forni di Sotto, grazie all'alleanza fra amministrazione regionale, Protezione civile del Fvg e Comuni, mostrano una buona percentuale di avanzamento dello stato dei lavori in un territorio pronto a ripartire. 

È la sintesi del messaggio lanciato dal vicegovernatore con delega alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, dopo aver effettuato alcuni sopralluoghi a Forni di Sopra e a Forni di Sotto nei siti interessati dagli interventi di Protezione civile a seguito dell'alluvione.  Si tratta di opere di messa in sicurezza di specifici punti critici del territorio, dalla viabilità ai corsi d'acqua fino agli edifici, per oltre 8 milioni di euro (2019) a cui si aggiungono altri 5 milioni di euro per il 2020. 

Il vicegovernatore ha rimarcato la forte alleanza con il sistema dei Comuni che oggi consente ai cittadini e ai turisti di ritornare ad usufruire di questi paesaggi naturali ma anche di far ripartire l'economia mettendo in moto di nuovo imprese e professionisti locali, segno tangibile di un ritorno alla normalità dopo i mesi di isolamento forzato. In questo senso il ruolo della Protezione Civile sarà rilevante grazie ai tanti lavori avviati per i quali sono stati stanziati centinaia di milioni di euro. 

La situazione

Fra i cantieri visitati oggi dall'esponente della Giunta, che è stato accompagnato nell'itinerario, dai sindaci dei due Comuni e dal direttore generale con i tecnici della Protezione Civile, quello sul rio Auza a Forni di Sotto, dove sono state realizzate opere di sistemazione idraulica (170 mila euro) e dove sono previsti altri 4 interventi nel 2020 fra i quali la messa in sicurezza del rio Verde (2milioni e 700mila euro). Sempre a Forni di Sotto il vicegovernatore ha potuto vedere l'intervento sulla strada d'accesso all'acquedotto che verrà completata entro il prossimo ottobre. 

Il sopralluogo ha dato conto anche dei lavori che si stanno concludendo, fra Forni di Sopra e Forni di Sotto, inerenti la mitigazione del rischio idraulico del bacino del fiume Tagliamento (970.047,17 euro) che interessa un'area di 1.250.000 mq.  E' seguita la visita al cantiere lungo il tratto del torrente Agozza a monte del ponte sulla strada statale 52. L'intervento prevede il rifacimento della tubazione e la sistemazione della briglia sul torrente (308.825,34 euro).

Sempre a Forni di Sopra sono stati visionati i lavori di sistemazione idraulica dell'alveo del rio Fontanon (143.631,51 euro) e gli interventi sull'edificio che ospita la scuola di sci con il rifacimento del portone di ingresso e delle finestre, il rispristino delle apparecchiature elettriche danneggiate oltre che la sostituzione dello scambiatore di calore e la tinteggiatura esterna e interna (16.446,49 euro). In località Cella si è provveduto a rimuovere la copertura del capannone comunale ad uso artigianale (200mila euro) mentre a Nuoitas si sono realizzate delle opere per la messa in sicurezza del Tagliamento e per la difesa degli edifici e della viabilità comunale (2.480.043,72 euro).  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono seguiti i sopralluoghi ai cantieri per la messa in sicurezza del transito lungo la strada comunale per il rifugio Giaf (314.480,52 euro) e del Rio Calda, dove è stata già realizzata la protezione di un tratto dell'argine destro mentre sono previste le scogliere a protezione delle sponde e delle pile del ponte. Nei pressi della confluenza con il rio Salis è previsto il ripristino di una strada forestale e di un guado di attraversamento del corso principale. Vicino alle abitazioni sono state ripristinate le sponde e la strada esistente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento