menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto da Youreporter.it

Foto da Youreporter.it

Tarvisio, duro colpo a un'organizzazione che porta clandestini in Italia

La Polizia di frontiera ha arrestato due cittadini magiari al valico di Coccau. Portavano in Italia gli extracominitari ospitati nei centri di accoglienza ungheresi dietro il pagamento di grosse cifre

La Polizia di frontiera di Tarvisio ha arrestato due passeur che trasportavano cinque stranieri clandestini. Ieri pomeriggio, nei pressi dell’ex valico stradale di Coccau, gli agenti hanno notato un’auto immatricolata in Ungheria, con una sola persona a bordo, che attraversava il confine di Stato. Poco dopo la vettura si è fermata in un parcheggio, per ripartire alcuni minuti dopo seguita da un’altra macchina, sempre con targa ungherese.

Le due automobili sono state quindi fermate e, mentre sulla prima viaggiava la sola “staffetta”, sulla seconda sono stati rintracciati, oltre al passeur, cinque cittadini extracomunitari: due somali, altrettanti eritrei e un siriano.

Dalle prime indagini del gruppo comandato da Massimo Spangaro si è scoperto che il conducente della prima auto, T.A. di 37 anni, cittadino ungherese con precedenti in Ungheria per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, non era altro che la “staffetta”. Aveva infatti incarichi di sorveglianza per verificare la presenza di pattuglie delle forze di polizia italiane al confine o immediatamente dopo e avvertire il passeur, M.C.S., di 45 anni, cittadino Ungherese, noto alle autorità italiane per contrabbando di tabacchi.

Immediatamente è scattato l'arresto per i due, accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sono stati portati  alla casa circondariale di Tolmezzo.

L'operazione ha bloccato uno dei principali canali del traffico di persone, visto che gli investigatori della Polizia di frontiera, nei mesi scorsi, avevano già scoperto il modus operandi di questa organizzazione. Si tratta di un sodalizio criminale di caratura transnazionale, che si preoccupa di portare in Italia, previo pagamento di ingenti somme, i cittadini extracomunitari ospitati nei centri di accoglienza magiari. Arrivati nel nostro paese vengono abbandonati, solitamente nei pressi della stazione ferroviaria di Tarvisio, da dove possono raggiungere i maggiori centri italiani e di conseguenza gli stati del nord Europa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento