Flambro abbraccia i suoi granatieri caduti nella battaglia del 1917

La battaglia di Flambro si consumò nella notte fra il 30 e 31 ottobre 1917 e fu fondamentale per rallentare l'avanzata dell'esercito austriaco dopo Caporetto e per riorganizzarsi sul Piave

Il paese di Flambro, vestito a festa con il tricolore lungo le strade e sulle finestre, ha accolto i Granatieri di Sardegna, convenuti dal Friuli e dal Triveneto, in occasione della commemorazione della battaglia che si consumò nella notte tra il 30 e il 31 ottobre 1917 e che fu fondamentale per rallentare l'avanzata dell'esercito austriaco dopo Caporetto, permettendo alla Terza armata di ripiegare senza eccessive perdite e di organizzare la riscossa del Piave.

Oltre 50 le "bandiere colonnelle" dell'Associazione nazionale granatieri che, insieme al gonfalone comunale, alla bandiera dei combattenti e reduci, dei tre gruppi alpini comunali, dell' associazione carabinieri, dell' arma aeronautica, dell'ANPI provinciale e al labaro della protezione civile, hanno fatto da cornice all' altare della chiesa dove don Pietro ha celebrato la messa e rivolto preghiere per i caduti di tutte le guerre. Molti i granatieri in congedo, riconoscibili dall' alta statura e dal colletto rosso con bianchi alamari, accompagnati dalle mogli con foulard pure rossi; non poteva mancare il presidente regionale dell'associazione Renzo Ros. Oltre al presidente del Consiglio provinciale, Fabrizio Pitton e del comandante dei carabinieri, Mirco Comisso,  molto nutrita la presenza di sindaci e amministratori del Medio Friuli.

A fare gli onori di casa il primo cittadino di Talmassons, Piero Mauro Zanin, che ha ricordato quei tragici giorni. "Rotto il fronte -ha detto Zanin- i Granatieri si attestarono nella zona più esposta all' accerchiamento austriaco e resistettero con altri fino al sacrificio". La battaglia avvenne di notte sotto una pioggia battente e in condizioni disperate, il sacrificio del comandante del secondo reggimento Granatieri, colonnello Emidio Spinucci, e dei suoi oltre 250 granatieri contribuì al senso di redenzione che portò l'Italia alla vittoria di Vittorio Veneto. "Fu la passione e l'orgoglio di questi giovani -ha aggiunto commosso il sindaco- che, nonostante alcuni generali, segnarono una pagina d'onore alla quale ancor'oggi dovremmo attingere per il rilancio del nostro Paese, insieme all' aiuto portato dai cittadini di Flambro che curarono i feriti e seppellirono i morti in quelle giornate alla stesso tempo gloriose e tragiche". Il corteo, accompagnato dalla banda "Rossini" di Castions, ha percorso il paese, deponendo, scortato da due granatieri in alta uniforme, corone di alloro al monumento ai caduti, all'erma di Spinucci e alla chiesetta di San Giovanni sulla Napoleonica, che accolse i feriti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

02-6-5

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Fa entrare i clienti dal retro nonostante le restrizioni, interviene la Polizia

  • Incendio nella notte alle porte di Udine, in fiamme un locale

Torna su
UdineToday è in caricamento