Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

«Affacciati alla finestra, c'è l'Uomo Ragno», regalo di Natale per i bambini in ospedale

Una squadra di supereroi acrobatici ha scalato le pareti del padiglione Petracco per riportare il sorriso ai bambini ricoverati nel reparto di pediatria dell'ospedale di Udine

Si parla tanto di distanziamento fisico necessario al contenimento della pandemia. Eppure, quel distanziamento per qualcuno rappresenta un brutto orco che tiene lontano parenti e amici.

Covid, un "brutto orco" per i bambini in ospedale

Persone che potrebbero alleviare un po' le loro sofferenze o, per lo meno, far passare loro qualche momento di spensieratezza nelle lunghe giornate di ricovero. Se poi quel “qualcuno” sono i bambini di un ospedale, la distanza imposta dal Covid è ancora più difficile da accettare.

Una lontananza che a Natale si fa ancor più pesante

E lo è anche per i volontari dell'Abio di Udine, l'associazione bambino in ospedale, tenuti anche loro lontani per mesi dalla pediatria a causa del Covid. Una lontananza che si sente ancor più forte nel periodo natalizio, ma che in qualche modo è stata colmata.

I supereroi alle finestre di pediatria

Una squadra di supereroi acrobatici ha infatti scalato le pareti del padiglione Petracco. I funambolici eroi si sono affacciati alle finestre delle camerette e i piccoli ricoverati si sono trovati così faccia a faccia con Superman, Batman, l'Uomo Ragno e i loro amici, vivendo un'esperienza indimenticabile. Protagonista di questa apparizione ad effetto è stata la squadra di "In Quota" di Trieste, specializzata in interventi edili su funi. Ragazzi speciali che con grande generosità, attraverso l'intercessione di Abio Udine, hanno reso sorprendente e unico questo Natale in ospedale per tutti i bambini e per tutte le bambine.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Affacciati alla finestra, c'è l'Uomo Ragno», regalo di Natale per i bambini in ospedale

UdineToday è in caricamento