menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lignano Europa, un evento da 75 mila presenze

La manifestazione enogastronomica raggiunge il tetto di presenze della scorsa edizione e si conferma un evento molto apprezzato

La carovana dei Mercati Europei di FIVA Confcommercio ha conquistato la capitale friulana del divertimento balneare anche nel 2014. La seconda edizione di “Lignano Europa”, la mostra mercato dedicata al gusto e all’artigianato europei di qualità, si chiude stasera, a mezzanotte, ma il bilancio è già positivo: con una cifra di circa 75mila visitatori nei tre giorni (dal 20 al 22 giugno), la manifestazione raggiunge il tetto di presenze della scorsa edizione e si conferma, quindi, un appuntamento molto apprezzato dai residenti e dai turisti e capace di aggiungere un altro elemento d’attrazione all’ampio carnet di eventi della cittadina.
 
Già venerdì mattina, subito dopo il taglio del nastro, i primi vacanzieri hanno cominciato a fare la fila davanti ai chioschi allestiti sul lungomare Getur. Le punte massime di presenze sono state registrate a partire dal tramonto e fino a notte fonda: tante le famiglie con bambini di ogni età, ma soprattutto gruppi di giovani amici, che hanno trovato una location nuova per passare insieme la serata. I piatti proposti sono stati davvero svariati e la scelta difficile. Quanti, invece, erano a caccia di souvenir originali o di un regalo particolare, si sono lasciati attirare dalle ceramiche lituane, dal vintage o dai bijoux russi, dai tovagliati italiani, dai cappellini francesi oppure dagli oggetti in legno sudamericani. 
 
"Penso che, per essere la prima esperienza di questa kermesse sulla nostra area, meglio di così non poteva andare. La risposta degli operatori è stata positiva e anche i visitatori sono stati soddisfatti", osserva Furio Cepile, direttore generale di Getur.
 
La manifestazione, che ha trasformato Lignano in una speciale vetrina del cuore pulsante culturale ed economico dell’Europa, ha visto la presenza un centinaio di operatori del commercio ambulante provenienti da una ventina di Paesi del Vecchio Continente: Francia, Austria, Belgio, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Olanda, Spagna, Finlandia, Ungheria, Lituania, Finlandia, Repubblica Ceca. Ma non sono mancati anche stand di paesi extraeuropei come Messico, Stati Uniti, Perù, Argentina e Israele. Un posto privilegiato ha trovato anche il made in Italy. Sicilia, Abruzzo, Toscana, Umbria, Puglia, Calabria, Sardegna e Piemonte sono stati presenti con le loro specialità regionali.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento