rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Successo per la Festa della pitina 2018 a Tramonti di Sopra

Dall’antipasto al gelato, la pitina regina di una grande Festa. Oltre 50 produttori da Italia, Europa, Indonesia e Armenia e tantissimi partecipanti a convegni e show cooking: il presidio Slow Food e prodotto Igp ha vinto sul maltempo

La “Festa della pitina 2018” ha sfidato il maltempo ed è stata un vero successo. La soddisfazione di Slow Food Fvg e in particolare della Condotta del Pordenonese, che l’hanno organizzata in collaborazione con Regione, Cciaa di Pordenone, Proloco e Comune di Tramonti di Sopra, è grande. «Abbiamo dovuto spostare l’intera festa dal centro del paese fin sotto la tensostruttura garantita dalla Proloco – spiegano – ma siamo riusciti ad assicurare una buona parte del programma e ad accogliere i tantissimi visitatori, oltre agli oltre 50 produttori di presidi Slow Food arrivati da tutta Italia, dall’Europa e non solo». Oltre ai rappresentanti e presidi del Friuli Venezia Giulia, erano infatti presenti i rappresentanti e i prodotti Slow Food dalla Puglia, dalla Toscana, dall’Emilia Romagna e dal Veneto. Dall’estero erano presenti i convivium Slow Food di Breslavia e della Bassa Slesia (Polonia), dalla Slovacchia, da Capodistria, ma anche dall’Armenia con il tradizionale formaggio “motal” e dall’Indonesia con spezie pregiate.

Molto positivo il resoconto della manifestazione promossa da Slow Food Fvg e Condotta pordenonese

Oltre alla protagonista della Festa, la pitina, presidio Slow Food regionale e prodotto Igp, i produttori del Fvg hanno proposto i presidi cipolla rosa di Cavasso e della Val Cosa, le antiche mele dell’Alto Friuli, l’aglio di Resia, il radic di mont, il çuç di mont e il fagiolo antico di San Quirino. Importante momento di confronto è stato il convegno per la presentazione della pitina Igp, cui hanno partecipato l’assessore regionale Stefano Zannier, il vicepresidente della Cciaa di Pordenone Cesare Bertoia, e il presidente dei produttori Igp, referente dei produttori Presidio SLow Food Filippo Bier, oltre che i sindaci della Val Tramontina, moderati dal nuovo portavoce regionale di Slow Food Giorgio Dri.

Centinaia sono stati i partecipanti in particolare agli show cooking realizzati la domenica mattina e alla dimostrazione della preparazione della pitina del pomeriggio. Molto seguiti anche i laboratori di gioco in inglese con i bambini, parte del progetto Kids Slow Cooking Class, promosso da Slow Food pordenonese partendo da un ‘idea dell’Associazione Ariel di Rivignano e realizzati in collaborazione con la stessa Ariel e le Lady Chef dell’Unione Cuochi Fvg. «La modalità e il coinvolgimento dei bambini hanno scatenato l’interesse dei rappresentati delle condotte Slow Food di altre zone e aperto la possibilità a collaborazioni incrociate tra associazioni diverse», evidenziano gli slowfoodies pordenonesi. «La domenica il bel tempo ci ha assistiti fino a metà pomeriggio – concludono – permettendo agli appassionati di venire a trovarci per assaggiare un menu tutto a base di pitina pensato dai cuochi dell’alleanza Slow Food con Federico Mariutti e Dario Martina, che hanno riscosso un successo eccezionale, assieme al particolarissimo “gelato alla pitina” proposto da Alessandro Scian dell’Insolito gelato di Cordenons».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Successo per la Festa della pitina 2018 a Tramonti di Sopra

UdineToday è in caricamento