rotate-mobile
Cronaca Lignano Sabbiadoro

Gli studenti con la Protezione Civile e la Polizia stradale per una settimana di "formazione"

Ricostruzioni 3D e sperimentazione per il campo scuola che, a Lignano Sabbiadoro, ha messo alla prova gli studenti in una settimana dedicata alla formazione in situazioni di emergenza ed alla sicurezza stradale

Anche quest’anno la Sezione Polizia Stradale di Udine ha partecipato attivamente con proprio personale alla formazione dei giovani nell’ambito dei “Campi scuola di orientamento al volontariato di protezione civile 2018”, organizzati dalla stessa Protezione Civile Regionale e rivolti agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado del Friuli Venezia Giulia (neo patentati o prossimi per età ad esserlo).

Sperimentazione

I ragazzi, nel periodo di permanenza al campo scuola, presso le strutture della Ge. Tur. di Lignano Sabbiadoro, sono chiamati a vivere una forte esperienza di coesione per un’intera settimana, organizzati come vere e proprie squadre di Protezione Civile, sperimentando diverse attività tipiche delle situazioni
d’emergenza e soccorso
, sotto la guida attenta di tutor - volontari della protezione civile. Secondo una consolidata organizzazione, una mattinata del corso è riservata ad un incontro dal titolo “Polizia amica”, durante il quale viene proposta ai giovani l’importante tematica della prevenzione degli
incidenti stradali.
Con l’ausilio di video, ricostruzioni in 3D di incidenti realmente accaduti e grazie anche ad appropriate modalità comunicative, il personale della Polizia Stradale che “parla ai giovani con il linguaggio dei giovani” è riuscito a stimolare il carattere cognitivo ed emotivo dei ragazzi, che hanno molto apprezzato
le modalità di approccio alle tematiche della sicurezza stradale .

Coinvolgimento attivo

Non più quindi mera elencazione di norme del Codice della Strada, ma coinvolgimento attivo dei partecipanti, con l’intento di prevenire i comportamenti errati dei giovani, quali guida distratta, mancato rispetto della precedenza, velocità troppo elevata e stati di alterazione psicofisica per alcool e droga, situazioni queste ultime che contribuiscono in modo rilevante al verificarsi o comunque ad aggravare gli effetti degli incidenti stradali.

L’ iniziativa appena conclusa conferma ancora una volta come il tema della sicurezza stradale debba essere affrontato con costanza ed impegno, anche in contesti multidisciplinari e di collaborazione tra diverse istituzioni, come appunto quello del Campi Scuola della Protezione Civile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti con la Protezione Civile e la Polizia stradale per una settimana di "formazione"

UdineToday è in caricamento