rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca Centro / Via Aquileia

Doppi parcheggi in Via Aquileia, la delusione di chi la frequenta ogni giorno

Hanno fatto la loro comparsa lungo la strada le strisce blu della sosta a pagamento che, contrariamente alla convinzione diffusa, si trovano su entrambi i lati della carreggiata. Chi vive la strada è soddisfatto della pavimentazione, meno del resto

Molto soddisfatti per il rifacimento del porfido, delusi per la doppia fila di parcheggi e - di conseguenza - lo scarso spazio di movimento per i mezzi. Qualcuno avrebbe anche voluto che - dopo averla ammirata in questi giorni senza traffico di veicoli a motore - restasse così. Sono queste le impressioni che abbiamo raccolto in via Aquileia da residenti, professionisti e commercianti. Nella giornata di oggi sono state dipinte le strisce blu dei parcheggi e, in pochi minuti, un nutrito crocchio di persone è sceso in strada per osservare quanto fatto. 

Via Aquileia, parcheggi su entrambi i lati della carreggiata

Le reazioni

Le perplessità riguardano lo scarso spazio per i movimenti dei veicoli. “Dai disegni che abbiamo visionato - sottolinea una commerciante - si sera capito che i parcheggi sarebbero stati solo su un lato. Considerando che a delimitare la ciclabile ci saranno delle fioriere e dei portabici lo spazio sarà ancora meno ampio”.Qui ho l’ufficio -commenta un professionista - e speravo che rimanesse tutto pedonale. In questi giorni c’erano famiglie con le carrozzine, è stato tutto veramente bello, perché il lavoro di pavimentazione è a regola d’arte. Peccato”. “In queste condizioni, commenta un’altra commerciante, basta che si fermi un camion e - non essendoci, a quanto pare, spazi destinati al carico e scarico - si blocca tutta la via”. 

I social

Il commento di Enrico Bertossi, capogruppo di Prima Udine in Consiglio

Il commento di Alessandro Venanzi, capogruppo del Pd in Consiglio

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doppi parcheggi in Via Aquileia, la delusione di chi la frequenta ogni giorno

UdineToday è in caricamento