Verzegnis, posticipata l'apertura della strada regionale "della Val D'Arzino" a causa del maltempo

Il maltempo degli ultimi giorni ha rallentato i lavori e il cantiere sarà prolungato fino al 5 giugno prossimo

Apertura posticipata per la strada regionale n. 1 "della Val D'Arzino" di Verzegnis a causa del maltempo degli ultimi giorni. Il cantiere sarà prolungato fino al 5 giugno prossimo.

I lavori

La chiusura della strada regionale è stata dettata da lavori di messa in sicurezza dei versanti nel tratto dal ponte Avons a Chiaulis di Verzegnis. Inizialmente, i lavori si sarebbero dovuti concludere il 24 maggio 2020, ma il maltempo degli ultimi giorni e la necessità di eseguire le lavorazioni in completa sicurezza, hanno rallentato l'intervento di taglio delle piante.

La proroga

Ora, quindi, il cantiere sarà prolungato fino al 5 giugno, con possibilità di anticipare la riapertura di qualche giorno se i lavori dovessero concludersi prima. “La decisione di prorogare la chiusura della strada è stata presa dopo attenta riflessione ed è risultata indispensabile per il completamento di tutte le operazioni -  spiega il sindaco Andrea Paschini - ; le piogge dei giorni scorsi hanno reso il terreno più scivoloso richiedendo agli addetti di operare imbragati, con funi di sicurezza, una condizione che ha notevolmente rallentato l’esecuzione dell’intervento. Sono consapevole dei disagi determinati dal protrarsi del cantiere – aggiunge il primo cittadino - , ma chiedo ai miei concittadini, alle imprese del territorio la massima comprensione considerata l’importanza dei lavori che garantiranno il ripristino delle condizioni ottimali per poter transitare in sicurezza lungo la regionale”.

Deviazione

Si ricorda che, fino alla conclusione del cantiere,  la strada resta chiusa al traffico veicolare dalle 6 del lunedì alle 18 del venerdì. Gli unici transiti con permessi concordati sono consentiti ai mezzi pesanti che devono recarsi presso alcune attività produttive site nella zona artigianale di Verzegnis e per accedere alla quale non possono utilizzare la viabilità alternativa (la strada regionale UD  n.72 “Di Invillino”). I varchi, utilizzati per la movimentazione delle macchine del cantiere, vengono presidiati da personale dall’impresa appaltatrice al fine di impedire il passaggio di veicoli non autorizzati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Covid e bombole d'ossigeno, l’azienda friulana: «Non riceviamo ordini da mesi»

  • Cambiamenti in vista: nuove Regioni verso la zona rossa e zone da "liberare"

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

Torna su
UdineToday è in caricamento