Cronaca

Serie A sì, calcetto no. Il Comitato tecnico scientifico blocca gli sport da contatto

Contro il parere del ministro Spadafora, il Cts ha deciso di non far ripartire gli sport da contatto che avrebbero dovuto avere il via libera da oggi: scatta la polemica

Falso allarme. Il via libera agli sport da contatto era previsto per oggi, giovedì 25 giugno. Ma il Comitato tecnico scientifico ha stoppato la decisione del ministra Spadafora, di fatto impedendo a tutti gli appassionati (tra gli altri sport) di calcio a 5 di tornare a scendere in campo. 

Per il Comitato tecnico scientifico, infatti, “le società dilettantistiche e i singoli non sono in grado di garantire il rispetto delle prescrizioni legate al distanziamento fisico e alle protezioni".
 Mentre, per quanto riguarda lo sport professionistico, il rispetto delle prescrizioni sul distanziamento fisico e sulle protezioni ai singoli soggetti coinvolti, che vanno dai giocatori allo staff, è garantito dalle società, lo stesso non può dirsi quando l'attività sportiva viene svolta a livello dilettantistico e amatoriale. E per quanto le evidenze ci parlano di assembramenti in campo durante queste prime partite di Serie A, il parere del Cts rimane negativo. E pace per gli sportivi e per Spadafora, che non è d’accordo. 

Il parere 

"In considerazione dell'attuale situazione epidemiologica nazionale con il persistente rischio di ripresa della trasmissione virale in cluster determinati da aggregazioni certe come negli sport da contatto, devono essere rispettate le prescrizioni relative al distanziamento fisico e alla protezione individuale. In considerazione della mancanza di simili protocolli a favore di singoli individui che si dedicano a tali attività a livello amatoriale o di società sportive dilettantistiche, non si ritiene al momento di poter assumere decisioni al riguardo che siano difformi rispetto alle raccomandazioni sul distanziamento fisico", si legge nel parere del Comitato tecnico scientifico. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie A sì, calcetto no. Il Comitato tecnico scientifico blocca gli sport da contatto

UdineToday è in caricamento