Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

"L'Austria non ci vuole, noi non vogliamo l'Austria", l'occhio per occhio di Salmè

Il segretario di Io amo Udine accusa gli organizzatori della fiera viennese "Wohnen & Interieur Wien" di non volere gli italiani, così propone al Comune di annullare lo Stiria Food Festival in programma a Udine a fine maggio

Visti i tempi difficilissimi per tutti, sono all'ordine del giorno le notizie che riguardano l'annullamento di eventi e la riduzione di spostamenti da un posto all'altro, da un paese all'altro. Non dovrebbe sorprendere, dunque, che una fiera internazionale come quella austriaca "Wohnen & Interieur Wien" abbia deciso di applicare delle restrizioni, benché sul loro sito non appaiano indicazioni a riguardo. Eppure il fatto - per lui le restrizioni riguarderebbero solo gli espositori italiani - non è andato giù a Stefano Salmè, segretario di Io amo Udine, che ha proposto al sindaco di Udine di "vendicarsi" degli austriaci impedendogli di venire a Udine in occasione dello svolgimento dello Stiria Food Festival, che dovrebbe svolgersi a fine maggio.

fiera-5-2

Le dichiarazioni

La decisione degli organizzatori della “Wohen & Interieur Wien”, in programma dal 18 al 22 marzo, di escludere i mobilieri friulani ed in generale quelli italiani, è di una gravità inaudita. Di fatto, una guerra commerciale, dichiarata con l’ipocrita giustificazione dell’emergenza coronavirus. Se gli organizzatori avessero realmente avuto a cuore la salute dei visitatori, avrebbero potuto tranquillamente sottoporre a test tutti gli espositori. La scelta fatta è una evidente infrazione a tutte le regole sul mercato unico europeo.
Udine e il Friuli non possono infilare la testa sotto la sabbia, dinanzi ad una decisione che, oltre al danno economico, è un’offesa alla nostra dignità nazionale. Il sindaco Fontanini e l’assessore al commercio, Maurizio Franz, annullino quindi lo “Stiria food festival Udine”, in programma dal 29 maggio al 2 giugno. Gli operatori austriaci non vengono in Friuli per “spirito europeo”, ma perché tornano a casa con dei lauti profitti. Ma se questa libertà economica non viene concessa agli imprenditori italiani, allora deve scattare un principio di reciprocità.
Il sindaco dimostri di tenere a cuore, non solo i nostri interessi economici, ma anche la nostra dignità e agisca con fermezza. E’ il momento di dimostrare con i fatti che noi italiani sappiamo reagire uniti alle sfide che ci troviamo di fronte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'Austria non ci vuole, noi non vogliamo l'Austria", l'occhio per occhio di Salmè

UdineToday è in caricamento