Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Stagione balneare in sicurezza: tutto pronto a Grado e Lignano

Tante le attività di prevenzione predisposte dall'ufficio Circondariale marittimo di Grado. Emessa e presentata agli operatori del settore turistico balneare l'ordinanza emessa dal Comandante Elisabetta Bolognini

Con l’avvento di maggio è ufficialmente iniziata la nuova stagione balneare 2018 anche per i Comuni costieri di Grado e Lignano Sabbiadoro rientranti sotto la giurisdizione del Circondario Marittimo di Grado. Difatti, anche se le Amministrazioni comunali attendono le rispettive cerimonie di inaugurazione, previste per domenica 6 maggio a Lignano Sabbiadoro e per la successiva domenica 13 maggio a Grado, la stagione balneare, così come dettato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e ripreso nelle corrispondenti Ordinanze comunali, inizia il 1° maggio e termina il 30 settembre.

esami MIP-2Numerose le attività propedeutiche all’avvio della stagione balneare poste in essere a cura dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Grado, soprattutto durante i mesi di marzo ed aprile, al fine di potenziare ulteriormente, sia in mare che a terra, la cornice di sicurezza connessa allo svolgimento delle attività balneari. In particolare, nel mese di aprile, sono state organizzate 3 apposite sessioni d’esame per il conseguimento del brevetto di abilitazione al salvamento per un totale di 67 candidati, preparati dalle società F.I.N. (Federazione Italiana Nuoto) e S.N.S. (Società Nazionale di Salvamento), autorizzate a livello nazionale alla tenuta dei corsi di formazione al salvamento, e valutati da specifica Commissione d’esame presieduta dal Tenente di Vascello Elisabetta BOLOGNINI - Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Grado. 

L'ordinanza

Inoltre, a similitudine della scorsa stagione balneare, il Comandante di Circomare Grado, in collaborazione con le Amministrazioni civiche di Grado e Lignano Sabbiadoro, ha voluto incontrare presso la sede dei due Comuni rivieraschi, rispettivamente in data 18 e 26 aprile, tutti gli operatori del settore turistico balneare allo scopo di presentare i contenuti dell’Ordinanza di Sicurezza Balneare firmata dal Capo del Circondario Marittimo di Grado Elisabetta Bolognini. Nel complesso, la nuova ordinanza più che innovare mira a consolidare quelle norme ritenute fondamentali per incrementare gli standard qualitativi di sicurezza sottolineando, preliminarmente, l’importanza del servizio di salvamento e, nello specifico, il ruolo dell’assistente bagnanti quale risorsa preziosa nell’ambito della locale pianificazione SAR (Search and Rescue) nonché ai fini delle operazioni di soccorso marittimo.

Sicurezza

Di conseguenza, sono stati ulteriormente rimarcati i doveri basilari assegnati all’assistente bagnanti, quali quello di stazionare nella propria postazione di salvamento, oppure in mare sull’unità di servizio, al fine di assumere, in ogni circostanza, la posizione che consenta la più ampia visuale possibile; garantire ininterrottamente il servizio di salvamento, anche qualora vi siano condizioni meteo avverse o lo stato del mare sia pericoloso ovvero sussistano altre situazioni di pericolo o rischio per la balneazione; segnalare immediatamente alla locale Autorità Marittima (Ufficio Circondariale Marittimo di Grado o Ufficio Locale Marittimo di Lignano Sabbiadoro) tutti gli incidenti che si verifichino sia sugli arenili che in acqua, provvedendo anche all’invio dell’apposita “scheda di rilevazione incidenti”.

Primo soccorso

Ai concessionari è stato, inoltre, ribadito l’obbligo di dotarsi di appositi locali adibiti a primo soccorso, idonei per la conservazione del materiale sanitario e tali da consentire, in termini di spazio, l’esecuzione delle pratiche di primo soccorso, invitandoli a dotarsi di un defibrillatore omologato secondo la normativa vigente. In via accessoria, è stata avvalorata la facoltà dei soggetti gestori di impiegare un servizio di salvataggio addizionale ed indipendente composto da unità cinofile abilitate al salvamento, ovvero composto da cane di salvamento e conduttore, purché i cani di salvamento siano muniti della prevista abilitazione nonché di tutti i certificati sanitari prescritti dalla legge. Infine – nel sottolineare le finalità precipue dell’Ordinanza di sicurezza balneare ovvero quelle di tutelare l’interesse primario della salvaguardia della vita umana in mare e della sicurezza della navigazione – il Comandante Bolognini ricorda ai diversi fruitori del mare l’importanza di segnalare eventuali richieste di soccorso informando il personale delle Capitanerie di Porto Guardia Costiera tramite il  NUMERO BLU 1530 per l’emergenza in mare allo scopo di garantire un rapido intervento dei mezzi di soccorso .

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stagione balneare in sicurezza: tutto pronto a Grado e Lignano

UdineToday è in caricamento