menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Offese per discriminazione di origine territoriale": squalificato allenatore friulano di Serie D, che nega tutto

Secondo il Giudice sportivo, il tecnico del Cjarlins Muzane Nicola Princivalli ha "rivolto espressione offensiva e implicante discriminazione per ragione di origine territoriale all’indirizzo del Direttore di gara". In arrivo tre giornate di squalifica

Erano trascorsi pochi minuti dall'inizio del secondo tempo dell'attesissimo derby contro la Manzanese dell'ex udinese Felipe, quando Nicola Princivalli, allenatore del Cjarlins Muzane, formazione militante nel campionato di Serie D, si è lasciato andare a un gesto di rabbia agonistica: con il pugno ha infatti colpito violentemente la sua panchina. Per il direttore di gara, però, il gesto è stato accompagnato anche da una frase irrispettosa nei suoi confronti. Messo a verbale il tutto, oggi è arrivata la tegola. Il Giudice Sportivo ha infatti comminato tre giornate di squalifica al tecnico arancioazzurro “per avere rivolto espressione offensiva e implicante discriminazione per ragione di origine territoriale all’indirizzo del Direttore di gara mentre colpiva con un pugno la propria panchina”. Così viene riportato nel comunicato ufficiale. L'arbitro dell'attesissimo derby di domenica scorsa, terminato con un netto 4-1 a favore della formazione della bassa friulana, era il signor Domenico Mirabella di Napoli. A completare la terna arbitrale gli assistenti Pierpaolo Vitale di Salerno e Alessandro Marchese di Napoli.

La replica

Immediata la replica dell'allenatore della società friulana. “Non contesto l’espulsione, che è sacrosanta, per il pugno con cui ho colpito la panchina, però non accetto che venga infangato il mio nome per una cosa che non ho detto: in nessun modo, infatti, mi sono rivolto verso il sig. Mirabella utilizzando termini discriminatori. Posso accettare la squalifica di tre giornate per il gesto che ho compiuto, ma respingo fermamente quanto riportato nel comunicato ufficiale perché non ho utilizzato un linguaggio irrispettoso delle origini territoriali del direttore di gara. Comportamenti di discriminazione territoriale non mi appartengono e mai mi apparterranno. Non fanno parte della mia persona e li ho sempre stigmatizzati senza esitazione”. La società Cjarlins Muzane, in accordo con l’allenatore della prima squadra e in suo supporto, ha quindi deciso di presentare ricorso avverso la squalifica sancita dal Giudice Sportivo Aniello Merone.

Il tabellino della gara

CJARLINS MUZANE – MANZANESE 4-1

RETI: 12’st Gigli, 14’st Gnago, 27’st Tonizzo (rig), 35’st Butti, 47’st Buratto.

CJARLINS MUZANE: Moro, Zuliani, Tonizzo, Gigli, Ndoj, Forestan, Longato, Bussi, Buratto, Spetic (13’st Tonelli), Butti (43’st Bertoli). All. Princivalli

MANZANESE: Da Re, Cecchini, Nchama, Bevilacqua, Capellari (6’pt Nicoloso, 28’st Duca), Casella (20’st Boscolo Papo), Gnago, Moras, Fyda, Dal Bello, Zupperdoni. All. Vecchiato

NOTE: Ammonito Tonizzo, Ndoj, Princivalli, Bevilacqua. Al 7’st espulso Princivalli e al 26’st Bevilacqua per doppia ammonizione. Recupero 2’ e 4’.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento