menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lisagest approvato il bilancio: si punta sul rinnovo delle strutture ed sugli eventi

In arrivo 650 mila euro di investimento e un piano di crescita per i prossimi 15 anni

L'ammodernamento delle strutture di accoglienza, dei manufatti del litorale, del materiale spiaggia e la composizione di un calendario di intrattenimento adeguato alle aspettative degli ospiti sono gli aspetti su cui punterà la Lignano Sabbiadoro Gestioni (Lisagest) nei prossimi anni. E' questo quanto emerso in seguito all'approvazione del bilancio consuntivo e preventivo nel corso dell’assemblea dei soci tenutasi ieri, 4 maggio, nella sede di via Latisana, 42, a Lignano. 

Per la società guidata da Loris Salatin e che per statuto non ha scopo di lucro, si è registrato un utile positivo di quasi 60 mila euro, ma soprattutto si è portato agli occhi dei presenti un piano di investimenti per il 2017 di 650 mila euro. Impresa non facile fino a oggi, come ha sottolineato Salatin durante la sua relazione, ricordando come “la breve durata della concessione demaniale non ha permesso in questi anni di pensare a investimenti con quote di ammortamento almeno ventennali”. Situazione che potrebbe cambiare con l’emanazione della nuova legge regionale sulle concessioni, grazie alla quale si può immaginare un orizzonte di operatività di 15 anni. Stando così le cose, l’opportunità per un salto di qualità per Lignano è più che mai alla portata, tanto che lo stesso Salatin ha annunciato che la volontà del consiglio di amministrazione di Lisagest è redigere un piano di investimenti per circa 10 milioni di euro da proporre al demanio regionale al fine di ottenere una concessione di 15 anni, anticipando così di fatto la scadenza del 2020. Una cifra che consentirebbe di affrontare con maggiore sicurezza le sfide del comparto turistico, con un approccio strategico e tattico in grado di toccare tra gli asset più importanti della località; come la spiaggia, ma anche il simbolo di Lignano, ovvero la Terrazza a Mare, luogo il cui fascino non conosce fine e per il quale l’impegno per la sua fruizione non è mai venuto meno. “Ma – sottolinea ancora Salatin – non possiamo continuare con interventi di piccolo cabotaggio. I nostri ospiti meritano una struttura adeguata alla sua fama e bellezza”.

E sul ruolo centrale nell’accoglienza, nella promozione e nel riposizionamento della località che Lisagest è disposta a ricoprire non sembrano esserci dubbi: “Questa società è un esempio di collaborazione virtuosa tra pubblico e privato e coinvolge la maggior parte di operatori e consorzi lignanesi. La sua forza è proprio l’unione e credo che il trend di crescita che finalmente si comincia a respirare dopo anni di apnea debba essere un’occasione da moltiplicare nei suoi effetti positivi. La situazione favorevole che stiamo vivendo in seguito all’instabilità di certe aree del mondo non durerà in eterno, si parla di cinque anni di vantaggio. Un tempo breve durante il quale concentrare il massimo impegno e immaginare ciò che Lignano sarà fra vent’anni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento