menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'uomo che ha sparato in strada a Nimis: «Temevo di essere controllato e minacciato»

Emanuele Filippig ha dichiarato così al gip del tribunale di Udine nel corso dell'udienza di convalida dell'arresto. Gli avvocati valutano la possibilità di una perizia psichiatrica

Temeva di essere «controllato e minacciato», vivendo da giorni in uno stato di ansia e paura. Mercoledì pomeriggio avrebbe sentito degli strani rumori in casa, prima di vedere due figure che uscivano dall'abitazione, scavalcando la recinzione. Di conseguenza ha "aperto il fuoco".

È questo il racconto che il 46enne di Nimis Emanuele Filippig ha reso al gip del tribunale di Udine nel corso dell'udienza di convalida dell'arresto che si è tenuta ieri al carcere di via Spalato. 

Il giudice si è riservato di decidere sulla richiesta di custodia cautelare in carcere avanzata dalla Procura. La difesa ha invocato invece una misura meno afflittiva, chiedendo gli arresti domiciliari o la custodia in un luogo protetto. Gli  avvocati - Filippo Mansutti e Francesca Venuti - hanno anche depositato un'istanza alla Procura per poter fare visita al loro cliente nei prossimi giorni con un consulente, per valutare una perizia psichiatrica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento