menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Via Marsala

Via Marsala

Sparatoria in via Marsala: solamente il caso ha evitato una tragedia

Il 42enne ubriaco arrestato avrebbe sparato con due pistole diverse. Nell'appartamento dell'uomo è stato ritrovato anche dell'hashish

Ammontano a otto i colpi di pistola esplosi con due armi all'alba di stamane in via Marsala dal 42enne ubriaco fermato dalla Polizia dopo aver provocato un incidente. L'uomo, di professione centralinista in un istituto di credito della zona e affetto da una parziale invalidità, ha cominciato a sparare intorno alle 6.00 del mattino dalla cucina della sua abitazione. Le ragioni del gesto non sono ancora state chiarite. 

L’INIZIO DELLA SPARATORIA. I primi colpi hanno forato la stessa veranda, di casa sua. Un altro proiettile ha raggiunto una vettura in sosta, mandando in frantumi il finestrino del lato passeggero e un altro ancora è entrato nell'appartamento al piano terra di un condominio sul lato opposto della strada. Solo per puro caso nessuno si è fatto male. 

L’ARRIVO DELLA FORZA PUBBLICA. I colpi, sparati da una Smith & Wesson 357 Magnum e da una Ruger 44 Magnum, sono stati avvertiti dai vicini, ma la chiamata al 113 è arrivata però solo intorno alle 7.30, quando un uomo si è accorto dei fori sulle pareti del condominio e sull'auto. Sul posto la Polizia, con le pattuglie delle Volanti, della Polizia Scientifica e della Squadra Mobile che ora conduce le indagini.

RITROVATE LE ARMI. Individuati i fori d'uscita dei proiettili dalla veranda, la Polizia ha controllato l'appartamento dell'uomo, in quel momento assente, e ha trovato le armi utilizzate per sparare i colpi: una appoggiata sul divano del salotto e una su un tavolino di una stanza in cui erano conservate diverse altre armi. A terra, in cucina, ancora parte dei bossoli dei colpi.

RINTRACCIATO IL COLPEVOLE. L’uomo è stato trovato poco dopo e a poca distanza. Uscito di casa con un'amica è salito in auto, ma dopo appena 300 metri è andato a sbattere contro alcune auto in sosta. Per i rilievi dell'incidente erano già intervenuti i Carabinieri. 

SEQUESTRO. Le due armi presumibilmente utilizzate per sparare sono state sequestrate. Le altre, tra cui un fucile a pompa di cui era in regolare possesso, per tiro a volo, sono state ritirate cautelativamente, in attesa che l'ufficio armi della Questura avvii le procedure per la revoca del porto e il divieto di detenzione. In casa è stato trovato anche un modico quantitativo di hashish. La posizione dell'uomo è al vaglio della Polizia, così come quella della ragazza che era con lui, un'udinese di 34 anni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento