menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccata al "Neruda Caffè", è il 12° furto in 13 anni di attività

Il titolare Michele Comentale non si perde d'animo, ma ammette le sue perplessità: «Siamo allo sbaraglio. Chi delinque fa la lista della spesa, tanto poi sa che dovesse essere preso verrebbe liberato dopo poco»

«Hanno sfondato la vetrina anti sfondamento». Michele Comentale, gestore del Neruda Caffè, non perde il suo classico senso dell’umorismo, nonostante la spaccata della scorsa notte sia il furto numero 13 - in 12 anni - subito dal suo locale, in piazzale Valle del But. «Cerco di non pensarci -commenta il barista -, ma sono sempre delle botte nello spirito. È come ti portassero via qualcosa di tuo, visto che stiamo parlando davvero di un lavoro nel quale mi immedesimo completamente. Stando qui 12 o 13 ore al giorno non potrebbe essere altrimenti. Come reagire? Non possiamo di certo barricarci, cerchiamo di prevenire. Il problema è che chi delinque poi sa benissimo che la farà franca senza problemi. Un giorno li prendono e quello dopo sono fuori. Fanno la lista della spesa, siamo allo sbaraglio».

Spaccata a Pradamano: «La zona è bersagliata, come il Far-west»

PIÙ DI UN FURTO ALL’ANNO. Comentale comunque non demorde, ma appare evidente che sia sconsolato. «La media parla di più di un furto ogni 12 mesi, ma è negli ultimi 5/6 anni che c’è stata una escalation. Nel 2016 eravamo stati graziati, mentre nel 2015 a febbraio sfondarono la vetrina con un’auto (da lì la sistemazione dei “panettoni” gialli di fronte all’esercizio) e a dicembre ci fu un altro episodio».

Michele Comentale

michele comentale-2

LA DINAMICA. «Hanno usato una mazza di ferro o un piccone - racconta - portandosi via il fondo cassa e le monetine delle slot machine che avevamo sistemato nel magazzino. Le togliamo proprio per evitare che spacchino le macchinette, memori di quanto accaduto in passato. In tutto, facendo una conta sommaria di danni e contante portato via, siamo sui 3/4mila euro. Si sono presi pure dei pasticcini, delle bibite gasate e il cassetto della cassa, che abbiamo trovato poi al parco “Desio”». È stata, come accade sempre in questi casi, una toccata e fuga: «L’allarme è suonato alle 2 e 38, la vigilanza è arrivata in una decina di minuti, ma non c’era traccia di nessuno più». Sul posto i carabinieri, che indagheranno sulla vicenda. 

Il post di Michele Comentale su Facebook

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento