rotate-mobile
Cronaca Centro / Via Mercatovecchio

40enne amante dei grandi eventi: l'identikit del frequentatore del centro

Dalla rilevazione, che ha raccolto i giudizi di circa 1.500 persone, emergono giudizi positivi per i grandi eventi e la qualità della città. Chi frequenta il centro vorrebbe però un'offerta di prodotti e servizi più variegata e a prezzi più contenuti

Ha un’età media di 40 anni, si reca in centro almeno 2 o 3 volte la settimana, soprattutto per passeggiare, fare shopping, andare al bar o al ristorante. Per spostarsi usa prevalentemente la bici o l’auto, parcheggiando su strada o in struttura a pagamento. Ama in modo particolare i grandi eventi, come Friuli Doc, Vicino/Lontano e il Far East, ma non disprezza anche i mercatini e le piccole fiere. Giudica Udine una città pulita e sicura, ma vorrebbe poter disporre di un’offerta più variegata di prodotti e servizi, e a prezzi più contenuti. È questo l’identikit del fruitore medio del centro storico che emerge da un’indagine effettuata dal Comune di Udine su un campione di 1.490 frequentatori e operatori dell’area più centrale della città. I risultati della rilevazione sono stati presentati oggi 29 gennaio nel corso di una conferenza stampa a palazzo D’Aronco. 

L’indagine, che rientra tra le azioni di marketing urbano e di sostegno allo sviluppo del “centro commerciale naturale”, è nata anche con il coinvolgimento e la collaborazione di enti associativi espressione delle categorie economiche, tra cui ConfArtigianato, ConfCommercio, Consorzio Amici del Centro e l’Associazione UdineIdea, nell’ambito del “tavolo di collaborazione per il commercio e il turismo”. Aperta a chiunque frequenti il centro di Udine, inclusi anche quanti vi operano con un’attività economica propria, la rilevazione è stata effettuata prevalentemente mediante compilazione del questionario via internet. Copie del questionario su carta sono state però distribuite anche presso commercianti ed esercenti aderenti e presso alcune sedi comunali.

“Questa indagine – spiega l’assessore alle Attività Economiche e al Turismo, Alessandro Venanzi – è un esempio chiaro di democrazia partecipata perché il giudizio dei cittadini servirà a orientare meglio la nostra azione amministrativa e anche la gestione dei fondi “ex Pisus”, quando arriveranno. Fa piacere che i servizi e le iniziative dell’amministrazione comunale vengano premiate dai cittadini così come che la qualità della città sia giudicata positivamente dai suoi abitanti. Ringrazio tutti coloro che hanno dedicato del tempo per migliorare il luogo in cui vivono”.

I DATI DELL’INDAGINE

Profilo anagrafico. Delle 1.490 persone che hanno compilato il questionario 688 sono femmine e 649 maschi. La fascia d’età più rappresentata va dai 36 a 50 anni (32%), seguita da quella da 26 a 35 (29%), per un’età media di 40 anni. La maggioranza degli intervistati risiede a Udine (il 74%) o in provincia (22%) e lavora come dipendente (45%) o è un imprenditore (26%).

Motivi di frequentazione. Dalle risposte degli intervistati emerge che, tra le 10 motivazioni di frequentazione del centro, la più citata è la classica passeggiata (71%), seguita da bar e ristoranti (62%) e dallo shopping (58%). La gran parte degli intervistati si reca in centro almeno 2 o 3 volte la settimana (32%) se non ogni giorno (38%), fermandosi per 2-3 ore (38%), da un’ora a un’ora e mezza (30%) o per la giornata lavorativa (21%).

Tipi di spese. Bar, pub ed enoteche sono in cima alla classifica dei 10 fattori di spesa più gettonati (77% di citazioni). A seguire troviamo ristoranti, gelaterie e pizzerie (61%), libri (59%) e l’offerta di abbigliamento, calzature e accessori (54%). I frequentatori del centro sentono invece la mancanza di un’offerta legata all’artigianato (42%), cinema e teatri (42%) e al settore alimentare (33%).

Mezzi di trasporto. Quali sono le modalità più utilizzate per raggiungere il centro storico? I mezzi “ecologici” – bici o a piedi – sono la prima scelta per circa un terzo del campione. Complessivamente la bici è citata tra le prime cinque modalità di spostamento nel 43% dei casi. Ancora più “votata” l’abitudine di andare in centro a piedi (48% delle citazioni). Il mezzo prevalente resta però l’automobile (56%). Dal punto di vista della sosta si privilegiano i parcheggi su strada a pagamento (57%) o i parcheggi in struttura (41%). Si opta per la sosta a pagamento soprattutto quando si è di fretta (34% delle quattro ragioni più votate) o se la tariffa non è troppo alta (26%). La maggior parte degli intervistati (44%) è disponibile a camminare tra i 5 e i 10 minuti dalla sosta.

Giudizi. Gli utenti dimostrano di apprezzare in modo particolare i grandi eventi, come Friuli Doc (64% di giudizi positivi), Vicino/Lontano (giudizi positivi nel 58% dei casi), Far East (74% di giudizi positivi) e Udine Jazz (59% di giudizi positivi). Riscuotono gradimento anche i mercatini e le piccole fiere (73% di giudizi positivi) e il Festival degli artisti di strada (giudizi positivi nel 57% dei casi). In generale i frequentatori del centro giudicano Udine una città pulita (58% di giudizi positivi) e sicura (56% di giudizi positivi). Meno positivi invece i giudizi sui parcheggi (35%) e sull’abbattimento delle barriere architettoniche (20%). Soprattutto, però, gli utenti gradirebbero una maggiore varietà di prodotti e servizi, magari a prezzi più convenienti: i giudizi positivi arrivano al 34% per la varietà dell’offerta e solo al 13% per la convenienza dei prezzi, mentre la qualità dei prodotti e dei servizi viene giudicata positivamente dal 52% dei votanti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

40enne amante dei grandi eventi: l'identikit del frequentatore del centro

UdineToday è in caricamento