«Niente soldi per i servizi educativi, il Comune li vuole destinare ad "Ein Prosit"»

L'accusa arriva dalla consigliera dem Cinzia Del Torre: «Abbiamo proposto un fondo di 500mila euro per i progetti educativi e scolastici ma la Giunta preferisce non spenderli o destinarli a "Ein Prosit" piuttosto che investire sui bambini della città»

Come spesso accade, le critiche tra i politici di una stessa amministrazione corrono anche e soprattutto via social. E così è accaduto anche ieri sera, a termine del Consiglio Comunale di Udine, presso il Salone del Parlamento del Castello, quando Cinzia Del Torre, consigliera dem, ha pubblicato un post su Facebook con il "riassunto" della seduta: la proposta del Partito Democratico di destinare dei soldi ai servizi educativi e scolastici, il rifiuto della giunta e la decisione di dirottarli sull'organizzazione di "Ein Prosit". 

Nelle scuole di Udine mancano ancora tutti i servizi 

Cosa è successo

«Abbiamo proposto un fondo di 500mila euro per i progetti educativi e scolastici», scrive la Del Torre aggiungendo poi che lo stesso è stato bocciato. «I soldi ci sono, ma la Giunta preferisce non spenderli o destinarli a "Ein Prosit", piuttosto che investire sui bambini e sulle bambine della città», chiosa.

post del torre-2

Il Giro d'Italia

«Abbiamo chiesto di sapere quanti soldi saranno spesi per il Giro D`Italia e di capire se, il 20 ottobre, sarà garantito il transito e  l`accesso alle scuole di Udine e ai luoghi di lavoro. Ma non ci è stata data nessuna risposta. Sembra tuttavia che  spenderanno non meno di 100mila euro per il Giro d`Italia e, quel giorno la città, al mattino, sarà completamente bloccata», continua la consigliera del Pd Cinzia Del Torre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La tassa sui rifiuti

La Del Torre si sfoga anche rispetto alla tassa sui rifiuti, recentemente aumentata per far fronte al cambio di metodologia di sistema di raccolta. «Per mesi abbiamo chiesto di conoscere i costi della TARI  2020: ci dicevamo di non avere ancora i dati e che stavano facendo i calcoli. Invece... Il Comune aveva avuto il Piano Economico e Finanziario della TARI il 10 luglio, ma solo oggi la tariffa è stata portata in Consiglio Comunale. Risultato? Tutta la cittadinanza dovrà pagare l`intera tariffa rifiuti (che pagava in 4 rate) in un solo mese! Scadenze?  31 ottobre e 3 dicembre. Nessuna rateizzazione, si paga tutto adesso!», conclude la consigliera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento