menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Daniele Galizio

Il sindaco Daniele Galizio

Il sindaco Galizio Vs Tozzi per la polemica su Latisana, il geologo invitato in città

Il primo cittadino latisanese, Daniele Galizio esprime la sua sul suo blog dopo le dichiarazioni del geologo Tozzi sulla Rai. Il sindaco "Se Latisana sorge nel posto sbagliato si potrebbe dire che altre città quali Firenze, Roma, la stessa Venezia, sono state realizzate in località inadeguate".

"Leggo con stupore le dichiarazioni del geologo e conduttore televisivo Mario Tozzi che afferma  “mi spiace dirlo ma Latisana sta nel posto più sbagliato” e ancora “se un paese finisce sott’acqua vuol dire che è sorto dove non doveva: non ci sono argini che tengano”. Certo che questo vuol dire non conoscere la storia di Latisana e dei suoi trascorsi fin dall’epoca pre-romana di porto fluviale e del fatto che i problemi di alluvioni a Latisana aumentarono a seguito della realizzazione delle arginature a monte."

E' la risposta del sindaco Daniele Galizio alle dichiarazioni di Mario Tozzi sulla Rai in merito a Latisana, attraverso il suo blog www.galizio.it.

Le dichiarazioni del sindaco

"Volendo generalizzare allora si potrebbe dire che altre città quali Firenze, Roma, la stessa Venezia, sono state realizzate in località inadeguate.  Ma quello che sbalordisce di piú è che dopo quindici anni la soluzione proposta è: “spostiamo Latisana!"

"Sinceramente - prosegue il primo cittadino - da un geologo e ricercatore di fama internazionale io e i miei cittadini ci aspettavamo qualcosa di più. Una soluzione alternativa alle casse o qualsiasi altra proposta che non fosse quella di cancellare la storia di una città e di un territorio, condannandola a scegliere tra convivere con il pericolo alluvioni o decidere di trasferirsi in zone geologicamente sicure. E parlo di territorio perché anche altre località sono a rischio e quindi bisognerebbe spostare anche San Michele, Cesarolo, Gorgo, San Filippo, Pertegada, per concludere con Bibione e Lignano."

Una possibilità

"Da uno studioso del suo calibro ci saremo aspettati un parere sulla soluzione prospettata dalla commissione nominata nel 2010 dalla regione FVG a seguito della sospensione dell’iter di realizzazione delle casse di espansione, denominarla “Laboratorio Tagliamento” che prevede un sistema di laminazione delle piene non invasivo che entrerebbe in funzione solo all’occorrenza e non prevederebbe alcuna modifica alle caratteristiche ambientali dell’ambito fluviale, oppure la proposta di una sua soluzione alternativa".

L'invito

"Ringrazio comunque Tozzi per aver detto di nutrire simpatia nei miei confronti e quelli dei miei cittadini, non conoscendolo personalmente provvederò ad invitarlo ad un convegno pubblico che organizzeremo a Latisana nel corso del quale avrà modo di conoscere la nostra cittadina e potrà esporre le soluzioni che intende proporre per la messa in sicurezza della nostra città e del nostro territorio".

"Dopo oltre 50 anni di angosciante attesa la nostra gente ha il diritto di pretendere che il Tagliamento possa nuovamente rappresentare una risorsa, essere fonte di ricchezze legate all’ambiente ed al turismo superando una situazione di precarietà che ha penalizzato, e sta penalizzando, lo sviluppo e l’economia del nostro territorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento