Verifiche al via nelle fabbriche: i sindacati controllano deroghe e dispositivi di sicurezza

Il segretario Regionale FIM-CISL Pasquale Stasi: "Senza avere le opportune garanzie di sicurezza, riaperture avventate possano rappresentare un danno irreparabile"

Immagine d'archivio

Aumentare le pratiche previste dal protocollo del 14 marzo, rendere obbligatorio l’utilizzo dei DPI ed effettuare lo screening sui lavoratori: queste sono le richieste dei sindacati rispetto all'apertura delle fabbriche.
La Fim-Cisl inizia così le verifiche.
La "leggera inversione di tendenza ha ridato fiato a coloro che vorrebbero la riapertura immediata delle attività lavorative, la così detta “Fase 2”, questo, anche nella nostra Regione e nella Provincia di Udine in particolare. Come Fim Cisl riteniamo che la scelta della riapertura delle attività lavorative, per la complessità e la delicatezza sanitaria e sociale, debba essere di pertinenza del Governo che sceglierà su indicazione delle autorità sanitarie", dichiara il segretario Regionale FIM-CISL Pasquale Stasio.

Aperture in deroga

"Purtroppo continuiamo a registrare anche questa settimana nel settore metalmeccanico come molte aziende, sfruttando le deroghe del prefetto abbiano già ripreso la loro attività, seppur non a pieno regime, altre si stanno preparando alla riapertura. Siamo tutti consapevoli delle difficoltà economiche che il fermo produttivo sta generando, ma siamo altresì convinti che senza avere le opportune garanzie di sicurezza, riaperture avventate possano rappresentare un danno irreparabile se dovesse ripartire il contagio".

Le richieste

Per Stasio, devono essere "discussi insieme protocolli e tempi per mettere in campo le condizioni migliori a evitare un contagio di ritorno". Quello che si chiede e di partire dal protocollo del 14 Marzo "e plasmarlo su ogni singola realtà aziendale immaginando di ampliare le pratiche da adottare rendendo obbligatorio l’utilizzo dei DPI: mascherine, guanti monouso, ecc., una rivisitazione degli spazi vitali e specifici protocolli di sanificazione e gestione dei trasporti, ma anche azioni preventive per la valutazione delle condizioni di salute delle persone che devono rientrare in fabbrica evitando di esporre le persone più fragili e suscettibili".

Protocolli

Applicando dei protocolli specifici a salvaguardia e tutela dei lavoratori, secondo Stasio, "si possono utilizzare le indagini sierologiche in collaborazione con le autorità sanitarie, come prevede l’accordo in Ferrari. Questo per avere un quadro più chiaro della situazione sanitaria utile ad evitare che riprenda il contagio, si può prevedere un consulto medico digitale/telefonico a disposizione dei lavoratori attraverso strutture specializzate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I controlli

La FIM da oggi avvierà una campagna di monitoraggio all’interno di tutte le fabbriche per verificare la corretta attuazione delle pratiche previste dal protocollo per il contrasto della diffusione del virus Covid-19, al fine di assicurare che tutto possa essere pronto per quando la “Fase 2” entrerà nel vivo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento