menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viale Leopardi, Michelini: «I cittadini non si fidano a vivere a casa propria perche hanno paura»

Il consigliere comunale di Identità Civica interviene sulla questione sicurezza e propone una raccolta di firme «contro questa cattiva politica»

Il tema della sicurezza in città è un argomento da tempo discusso e analizzato non solo dai cittadini ma anche dalle forze politiche di maggioranza e opposizione. Spesso si intreccia con la questione immigrati e va a toccare alcuni quartieri ritenuti più "sensibili": tra questi c'è Borgo Stazione e, in particolare, viale Leopardi.

A intervenire sulla situazione di questa zona è il consigliere comunale Loris Michelini, capogruppo di Identità Civica. Per Michelini «la maggioranza di centrosinistra capeggiata dalla Giunta Honsell non può dire che i cittadini hanno la percezione che Borgo Stazione e Via Leopardi siano sicure. Anzi, ora sappiamo che tutti i cittadini si considerano non abitanti a casa propria, quasi non residenti. I motivi sono tanti ma credo che negli ultimi anni l'Amministrazione abbia lasciato andare il problema, ha fatto finta di non sentirlo continuando a dire che l'opposizione fa terrorismo e getta fango. Invece i residenti Gary di Qual e anche Laura Paviotti avevano più volte denunciato "il sentire popolare dei residenti dell'agente" ma senza ascolto».

Il consigliere ribadisce la necessità di maggiore sicurezza e se la prende con la maggioranza: «Abbiamo detto più volte che serva una presenza fissa da parte delle Forze dell'Ordine, che i controlli devono essere continui per far dissuadere in attivi malintenzionati che proprio in quella zona stazionano e traducono in risse e pestaggi qualunque provocazione o malefatta. Avevamo chiesto di iniziare a inviare i nostri Vigili a fare controlli in varie ore del giorno negli appartamenti per verificare se gli abitanti sono in regola, sono in numero giusto  ecc...il tutto per verificare se l'aumento a dismisura di extracomunitari o persone estere siano oltre numero dichiarato. Nulla da fare: la Giunta Honsell supportati dalla maggioranza del PD , della lista Innovare per Honsell non vogliono nessun controllo, non vogliono toccare questo tema e intanto il Quartiere e' sempre meno frequentati dagli italiani, dagli udinesi che un po' alla volta abbandonano il posto. I genitori non si fidano a far uscir e i propri figli, non si fidano a mandarli a scuola e all'asilo nel Quartiere, non si fidano a vivere a casa propria perche hanno paura. Questa è' la situazione».

Da qui la proposta nel cercare «con il Prefetto, con il Questore, con gli stessi residenti a creare vari comitati raccogliendo firme e dichiarandosi contro questa cattiva politica».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento