Sicurezza a Premariacco, via libera ai contributi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Case più sicure nel Comune di Premariacco. L'amministrazione guidata dal Sindaco Roberto Trentin, con delibera di giunta, ha dato il via libera al bando regionale per la concessione di contributi per l'acquisto, l'installazione e l'attivazione si sistemi di sicurezza in case e abitazioni private. L'obiettivo è quello di sostenere e promuovere le iniziative per incrementare la sicurezza delle abitazioni dei privati cittadini attraverso mezzi di difesa passiva per il contenimento dei furti. I contributi messi a disposizione - circa 47 mila euro da ripartire tra i comuni di San Giovanni al Natisone, Premariacco, Corno di Rosazzo e Buttrio aderenti alla gestione associata del servizio di Polizia Locale soggetto attuatore del progetto - rientrano nel Piano regionale di finanziamento in materia di politiche si sicurezza per l'anno 2016 e verranno erogati fino ad esaurimento. Sono ammessi a contributo i sistemi antifurto, antirapina e antintrusione, i sistemi di videosorveglianza, esclusi gli impianti di video-citofonia, porte e persiane blindate, grate e inferriate, che devono essere di nuova produzione, devono possedere le caratteristiche tecniche conformi alle norme vigenti ed essere garantiti per almeno due anni dalla data di installazione. Anche il costo della manodopera rientra tra le spese ammissibili. L'importo massimo di spesa ammessa è pari a 3 mila euro (iva inclusa) con un contributo erogabile fino ad un massimo del 50 % del costo. Non sono finanziabili interventi per spese inferiori a mille euro (iva inclusa). Le spese ammesse a contributo sono solo quelle sostenute, ossia pagate dalla persona richiedente, nel periodo dal 1 gennaio al 31 maggio 2017. Le domande potranno essere presentate fino al 30 giugno 2017 compilando l'apposito modulo pubblicato sul sito del comune di Premariacco.

Torna su
UdineToday è in caricamento