menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L apresentazione dell'operazione alla presenza della stampa

L apresentazione dell'operazione alla presenza della stampa

Sgominata banda di ladri che colpiva negozi e abitazioni private

Il gruppo, che si spostava dalla Lombardia e dal vicino Veneto, agiva nella zona della Bassa friulana e del Veneto orientale. L'operazione è stata messa a segno dai Carabinieri di Latisana

Sgominate alcune bande di giovani ladri, tutti di nazionalità serba, che in trasferta dalla Lombardia e dal Veneto colpivano negozi e case private tra la Bassa Friulana e il Veneto Orientale. A mettere a segno l'operazione sono stati i Carabinieri di Latisana che lavoravano da tempo sui casi. Particolarmente eclatanti erano stati due furti: uno a Villanova di Portogruaro il 20 aprile 2011, dove una banda di sei ladri, di cui due pali e basisti, ha sfondato la vetrata di un negozio di ottica con l'auto, che è entrata direttamente nel negozio. I criminali sono riusciti a portarsi via un bottino da 70 mila euro in occhiali.

I militari, il 29 aprile scorso, hanno eseguito una misura cautelare a Como nei confronti di A. J.  36 anni, serbo e considerato il capo della banda.

Altro furto, di nuovo col metodo della vetrata spaccata è stato registrato il 13 gennaio a Lignano, in un negozio di abbigliamento, per mano di una banda di tre ladri, sempre di nazionalità serba, che hanno prelevato vestiti per un valore di 100 mila euro.

“Si tratta di persone che hanno un lavoro durante il giorno – hanno spiegato i Carabinieri mentre presentavano l'operazione – e la sera si dedicano ai furti, però lontano dal luogo in cui vivono e quindi si spostano dalla Lombardia fino al Friuli solo per delinquere”.

Come se non bastasse, i Carabinieri hanno anche arrestato alcuni ladri che si introducevano a tutte le ore del giorno e della notte nelle case tra Pozzuolo, San Giorgio di Nogaro, Pocenia e Mansuè in Veneto. “Ormai i furti vengono compiuti nell'arco delle 24 ore – hanno spiegato ancora i Carabinieri – che ci sia luce o buio poco importa. Raccomandiamo di chiudere sempre le finestre e anche le imposte, nonché la porta a chiave, che non va semplicemente accostata, anche quando si esce di casa per poco tempo. E' sempre bene segnalare alle forze dell'ordine ogni movimento sospetto vicino alle abitazioni e cercare collaborazione nel vicinato”.

I Carabinieri hanno fatto sapere che nel periodo estivo intensificheranno i controlli e Lignano sarà più sicura grazie alla nuova Caserma.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Attualità

Coronavirus FVG, 208 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento