Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Udine inquinata, necessario ridurre l'uso di mezzi privati e abbassare il riscaldamento

Fino al 22 febbraio si supereranno i limiti giornalieri stabiliti dalla legge per le polveri sottili

L'aveva detto poche settimane fa Legambiente con il suo annuale dossier: Udine è tra le città italiane che ciclicamente sforano il limite giornaliero previsto per le polveri sottili o per l’ozono, e così il Comune è costretto a correre ai ripari.

L'allarme

L'Arpa, Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Friuli Venezia Giulia, ha segnalato che da oggi e fino almeno al 22 febbraio prossimo è previsto il superamento dei valore limite stabilito dalla legge per le polveri sottili (50mg/m3 come media giornaliera).

La richiesta

Come previsto dal Piano di Azione Comunale contro l’inquinamento atmosferico, si invita a ridurre l’uso dei mezzi di trasporto privati e di ogni altra attività causa di significative emissioni inquinanti. 

Il riscaldamento domestico

Si ricorda inoltre che è obbligatoria la riduzione di due gradi (da 20°C a 18°C) delle temperature medie impostate internamente agli edifici; sono esentati gli edifici con attestato di qualificazione energetica di categoria B o superiore e gli edifici adibiti ad ospedali, cliniche o case di cura, scuole ed abitazioni in cui risiedono persone affette da malattie croniche. Per informazioni si può contattare l’U.O. Ambiente (tel. 0432 1272888–932).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Udine inquinata, necessario ridurre l'uso di mezzi privati e abbassare il riscaldamento

UdineToday è in caricamento