menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ceccarelli guida la solidarietà friulana, 60 mila mascherine cucite durante primo lockdown

Oltre 70 volontari, grazie anche alla collaborazione di Confartigianato Udine, hanno cucito a mano durante il lockdown le mascherine che sono state distribuite a più di 30 strutture del Friuli

Quasi 60 mila mascherine distribuite da aprile a dicembre a più di 30 tra strutture sanitarie e ospedaliere, associazioni, medici, Comuni, case di riposo e aziende di trasporto pubblico della provincia di Udine. Un minuzioso e attento lavoro, frutto dell'impegno e della dedizione di oltre 70 tra donne e uomini e, più in generale, dello spirito di una solidarietà tutta made in Friuli.

Friuli solidale

È il bilancio del progetto “Friuli solidale” che Ceccarelli Group di Udine ha pensato e coordinato già a partire dalla prima ondata della pandemia di Covid 19. “Un'idea – spiega Luca Ceccarelli, presidente del gruppo operante nei settori trasporti e logistica – partita da mio padre Bernardino. Com'era nel suo spirito, infatti, non ha esitato un attimo a contribuire in un momento difficile come quello in cui tutti ci siamo trovati a vivere all'esplodere dei contagi. Un'idea partita da lui – prosegue – ma subito sposata convintamente da tutta l'azienda che ringrazio, così come tutti quelli che in vario modo hanno contribuito a realizzare”.

Giorno e notte sarte e sarti volontari hanno cucito quasi 60 mila mascherine

È così che la macchina organizzativa si è messa subito in moto, grazie anche all'immediato supporto e sostegno di tantissime realtà regionali che, in breve tempo, hanno voluto contribuire economicamente al progetto fino a raggiungere la cifra di quasi 18 mila euro. Non meno importante è stato l'impegno profuso da Confartigianato Udine che ha subito messo a disposizione 10 sarte artigiane che si sono sommate agli oltre 60 volontari, tra donne e uomini, che nella loro genuina semplicità hanno deciso di prendere in mano ago e filo con lo scopo di aiutare gli altri. Seduti al tavolo, notte e giorno, durante il primo lockdown hanno cucito 57 mila 300 mascherine e preparato oltre 200 kit pronti per essere distribuiti a chi ne aveva più bisogno.

L'impegno di Confartigianato

Quella delle nostre sarte è stata una risposta generosa e tempestiva - commenta il presidente di Confartigianato-Imprese Udine, Graziano Tilatti - :hanno messo a disposizione il loro tempo e le loro capacità senza esitazione, per dare una mano nel momento in cui mascherine non se ne trovava da nessuna parte. A loro va il mio più sincero ringraziamento. A loro e al compianto presidente Bernardino Ceccarelli, che fino alla fine si è dedicato alla promozione del lavoro e della solidarietà a favore del Friuli, terra cui era fortemente legato e che gli deve molto”. 

La solidarietà disinteressata del popolo friulano

L'impegno del progetto Friuli Solidale, oltre a quello economico, è stato mettere insieme e coordinare la buona volontà della gente friulana. “All'inizio della pandemia, come molti ricorderanno, – racconta l'amministratore delegato di Ceccarelli Group, Gabriel Fanelli – molte realtà si sono trovate a fare i conti con la carenza di mascherine. Era quasi impossibile trovarne in commercio e così ci siamo attivati per realizzarle a mano grazie alla solidarietà disinteressata del popolo friulano che, sia economicamente, sia con il proprio lavoro a mano, ha contribuito a colmare, almeno in parte, quella carenza. Per tutto questo impegno – conclude – non possiamo che dire grazie a tutte e tutti quelli che, a fronte di un momento di grande difficoltà, hanno trovato la forza e la buona volontà di partecipare a questo progetto”.

Durante l'estate il calo, ma con la ripresa dell'autunno è tornata a riaffacciarsi nuovamente l'emergenza sanitaria e la conseguente domanda di mascherine. Da qui l'impegno nella distribuzione fino al dicembre scorso.

Tanti, si diceva, gli sponsor che hanno voluto contribuire e ai quali il Gruppo Ceccarelli e Confartigianato Udine sentono di mandare un sentito ringraziamento: privati cittadini, aziende come Multiservizi Galileo, e istituti bancari del territorio come Banca di Cividale, Bancater Credito Cooperativo Fvg e Primacassa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento