menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nas di Udine, sequestrate 1,5 tonnellate di cibo non in regola

Il bilancio del 2020 parla di un totale di 1.371 ispezioni ad aziende e strutture operanti nel settore alimentare e sanitario

Un totale di 1.371 ispezioni ad aziende e strutture operanti nel settore alimentare e sanitario, di cui 412 casi (30 per cento) non conformi, accertando 618 infrazioni amministrative. Sono state 370 le persone segnalate all’autorità giudiziaria e 586 a quelle amministrative e sanitarie competenti, nei cui confronti sono stati sequestrati prodotti, attrezzature e locali per un valore di oltre 1 milione di euro. Sono stati 380 gli esercizi di ristorazione ispezionati. In 148 casi sono state riscontrate delle violazioni (alcune delle quali relative al mancato rispetto delle norme anti Covid19) e, in un caso, anche la sospensione immediata dell’attività. Sono i risultati principali del 2020 dell'attività dei carabinieri del Nas di Udine, comandati dal capitano Fabio Gentilini.

Sequestri

Durante l’anno appena trascorso sono state dequestrate 1,5 tonnellate di alimenti vari, perché non in regola con le normative (in cattivo stato di conservazione, scaduti di validità, non tracciati). Nel comparto sanitario sono state ispezionate 595 strutture (ambulatori, cliniche, farmacie, studi medici, ecc) e in 134 casi sono state riscontrate irregolarità che hanno portato, nel complesso, al sequestro di oltre 10 mila confezioni di medicinali, integratori, articoli sanitari non conformi al dettato normativo. Vari anche i sequestri di mascherine protettive non conformi. In particolare sono stati nove i casi di abusivismo della professione medica segnalati all’autorità giudiziaria, cinque dei quali nel campo dell’odontoiatria.

Gli approfondimenti

L'attività dei militari si è concentrata, in particolare, nelle verifiche presso le strutture sanitarie e socio-assistenziali, sia pubbliche che private, al fine di verificare il rispetto delle normative e dei protocolli emanati per il contenimento del diffondersi del virus. Nel complesso sono state un centinaio le strutture ispezionate tra la prima e la seconda “ondata”, riscontrando irregolarità (penali e/o amministrative) in 10 casi. Molteplici sono state le collaborazioni con le varie associazioni (FIPE, Confcommercio, Ordine dei Medici ed Odontoiatri, Ordine dei farmacisti) e di supporto ai cittadini per finalità informative e di chiarimento delle varie disposizioni emanate in questo delicato periodo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento