menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga tra giovani e giovanissimi, sequestro delle Fiamme Gialle

Prosegue l'azione della Gdf di Gorizia contro il traffico di sostanze stupefacenti: hashish e marijuana quelle più diffuse tra i ragazzi

Prosegue incessantemente l’azione delle Fiamme Gialle volta al contrasto del traffico illecito di sostanze stupefacenti sull’intero territorio isontino, con particolare riguardo al mandamento monfalconese.
Il meccanismo di monitoraggio e prevenzione predisposto dal Comando Provinciale di Gorizia ha portato, nell’ultimo mese, al complessivo sequestro di oltre 12 gr.circa di sostanza stupefacente del tipo “marijuana” e gr. 4 di “hashish” nei confronti di giovani di età inferiore ai 23 anni.

L’assidua presenza dei Finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Monfalcone nei luoghi di aggregazione giovanile più a “rischio” del territorio, quali giardini pubblici, piazze, centri commerciali ed aree adiacenti ad istituti scolastici, ha permesso di effettuare oltre 30 controlli individuando e sottoponendo a controllo 12 tra giovani e giovanissimi, ritrovati in possesso di piccoli quantitativi tra marijuana ed hashish, volti all’utilizzo personale. Lo stupefacente - come spesso accade - era occultato in contenitori plastificati o di carta argentata all’interno di pantaloni, giubbotti e scarpe, unitamente agli strumenti tipici degli utilizzatori delle c.d. “droghe leggere”, quali le cartine da tabacco, filtrini spugnosi e grinder (in gergo “tritamaria”).

Nel corso dei controlli è stata anche impiegata l’unità cinofila appartenente al Reparto, molto spesso indispensabile ai fini della segnalazione dell’eventuale presenza di sostanze psicotrope anche se ben celate tra gli indumenti dei possessori.
Lo stupefacente rinvenuto è stato posto sotto sequestro amministrativo volto alla successiva distruzione, mentre i giovani sono stati segnalati all’Autorità Prefettizia ai sensi dell’art. 75 del Testo Unico sugli stupefacenti D.P.R. 309/1990, quali consumatori di sostanze stupefacenti.

Le Guardia di Finanza sottolinea come le conseguenze di tale evenienza siano purtroppo spesso sottovalutate dalla comune opinione giovanile: le 'Fiamme Gialle', infatti, ricordano come una condotta illecita di tal genere - oltre agli ovvi ed evidenti effetti dannosi per la salute - ne comporterà la formale e permanente trascrizione in capo ai trasgressori; le derivanti sanzioni amministrative irrogabili riguarderanno la sospensione da 1 mese a 3 anni di documenti quali il patentino, la patente di guida ed il passaporto, un percorso di rieducazione mediante centri di Servizio per le Dipendenze (c.d. “Ser.D.”), nonché l’eventuale futura inibizione all’inserimento lavorativo in particolari settori d’impiego.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento