menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operazione “tempo libero”, scoperti due medici assenteisti

La coppia di dottori è stata sospesa immediatamente. I due risultavano in servizio presso l'ospedale di Gorizia ma spesso erano altrove, anche a lavorare presso uno studio medico privato

Per non destare sospetti ed evitare di passare dall’ingresso principale dell’ospedale di Gorizia, dove in tanti avrebbero potuto notarli, due medici in servizio presso l’Azienda per Assistenza Sanitaria n. 2 “Bassa Friulana Isontina” avevano adottato l’espediente di assentarsi dal luogo di lavoro allontanandosi da un’uscita di sicurezza a bordo delle proprie autovetture parcheggiate appositamente vicino e rientrando dalla medesima porta di emergenza all’insaputa del direttore sanitario, dei colleghi e degli infermieri.

Durante le assenze si recavano in banca, al ristorante, in negozi di arredo, presso centri commerciali, e, soprattutto, in uno studio medico dove si occupavano “privatamente” dei pazienti a discapito di quelli che si erano rivolti alla struttura ospedaliera del capoluogo isontino. Sono stati per mesi videoripresi, pedinati e fotografati, mentre si allontanavano in modo ingiustificato dal luogo di lavoro, dai militari Guardia di Finanza di Gorizia. In alcune riprese si nota anche come la coppia si spalleggiava a vicenda, "strisciando" il badge per chi in quel momento fosse assente.

Il quadro probatorio è stato successivamente corroborato da alcune testimonianze e dalle perquisizioni dei domicili e dei luoghi di lavoro dei due dipendenti pubblici, indagati ora per truffa aggravata ai danni dello Stato e falsa attestazione in servizio, reati entrambi puniti con la reclusione da uno a cinque anni. Un caso gravissimo di assenteismo che ha indotto il Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Gorizia, dott.sa Rossella Miele, a disporre l’immediata sospensione, per 12 mesi, dal servizio presso l’ospedale di Gorizia dei due medici e l’interdizione da ogni attività ad esso inerente.

Le misure cautelari sono state notificate nella giornata di ieri ai due indagati e alla Direzione Generale dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 2 Bassa Friulana Isontina che ha contribuito ad avviare gli accertamenti e che ha collaborato con le fiamme gialle goriziane durante le fasi investigative dell’indagine ribattezzata “Tempo libero”. I due dipendenti pubblici saranno ora segnalati anche alla Corte dei Conti di Trieste, alla quale sarà formulata notizia di danno erariale in relazione ai compensi corrisposti a titolo di retribuzione nei periodi per i quali è stata accertata la mancata prestazione lavorativa, nonché con riguardo ai danni d’immagine e derivanti dai disservizi arrecati all’ospedale di Gorizia a causa delle continue assenze. L’attività d’indagine svolta dalla dipendente Compagnia della Guardia di Finanza di Gorizia ha contribuito a ripristinare condizioni di legalità in una importante struttura pubblica, come quella ospedaliera, in cui deve essere ben percepito il rapporto di fiducia tra i cittadini e la pubblica amministrazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento