Scomparso da Lignano, i genitori lo ricercano disperatamente

Si tratta del 21enne Marco Rovai, che ha fatto perdere le sue tracce dalla metà del mese di luglio

Dal 16 luglio i genitori non hanno notizia di dove sia e di che cosa stia facendo il figlio, che vive a Lignano Sabbiadoro con loro. Si tratta del 21enne Marco Rovai, la cui scomparsa è stata denunciata alla locale stazione dei carabinieri nella speranza che si possa fare qualcosa per ritrovarlo. Inizialmente si era scelto di non pubblicizzare la cosa sui media, spaventati dal fatto che il clamore potesse allontanarlo ancora di più. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come ha riportato Il Gazzettino la madre e il padre di Marco si sono rivolti anche all'associazione onlus "Penelope Italia" che aiuta gratuitamente i parenti delle persone scomparse. Marco, quando se n’è andato, aveva pochi soldi in tasca, il documento di identità e il cellulare. Prima di sparire ha lasciato un biglietto dove dice di non voler essere rintracciato, di aver trovato una ragazza che ama e di voler vedere com'è la vita. Ha scritto anche che, insieme a questa giovane, di cui non si conosce l'Identità, «andremo a fare volontariato in Africa e Asia, dove c'è la guerra». Il caso è seguito dall'avvocato di Penelope sezione del Veneto - che si può contattare per dare indicazioni: (tel. 041.8223958)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

Torna su
UdineToday è in caricamento