rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca

Sciopero del trasporto pubblico, mezzi fermi anche in Friuli

Contratto collettivo atteso da tre anni. Lo sciopero nazionale di categoria sarà accompagnato da un presidio a Gorizia

"Il rinnovo del contratto è un diritto!". È l’appello che lanciano i sindacati regionali dei trasporti di Cgil, Cisl, Uil, Cisal e Ugl alla vigilia dello sciopero nazionale del trasporto pubblico locale. L’agitazione, che coinvolgerà anche le aziende regionali (Apt Gorizia, Atap Pordenone, Trieste Trasporti e Arriva-Saf Udine) consorziate in Tpl Fvg, è stato proclamato per l’intera giornata di domani, naturalmente nel rispetto delle fasce di garanzia. "I sindacati di categoria – scrivono in un volantino Valentino Lorelli (Filt-Cgil), Antonio Pittelli (Fit-Cisl), Michele Cipriani (Uiltrasporti), Pierpaolo Saccavini (Faisa Cisal) e Attilio Grosso (Ugl Fna) – rivendicano il necessario e giusto riconoscimento che i lavoratori meritano, a partire dalla copertura economica per il triennio 2018-2019-2020, senza discussioni e argomentazioni strumentali e fuorvianti, e l’immediato avvio del confronto per il rinnovo normativo ed economico del contratto nazionale, scaduto da tre anni. Questo a maggior ragione per i lavoratori del traporto pubblico locale del Friuli Venezia Giulia, dove questo settore è stato riformato e dove gli standard di qualità del servizio, la produttività e i livelli di professionalità sono particolarmente elevati". In concomitanza con l’agitazione, i sindacati hanno indetto un presidio che si terrà dalle 9.30 alle 11.30 di domani a Gorizia, davanti alla sede di Tpl Fvg, in via Caduti di An Nasiriyah 6.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero del trasporto pubblico, mezzi fermi anche in Friuli

UdineToday è in caricamento