menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autotrasportatori friulani verso lo sciopero: la protesta

Autotrasporto verso il fermo perché il governo non rispetta i patti. Ultima prova di dialogo affidata ai parlamentari del fvg

“Il Governo non può non rispettare i patti e cambiare le carta in tavola. Sabato ci siamo riuniti e abbiamo votato per organizzare un fermo e di inviare una lettera ai parlamentari del Fvg, che partirà oggi. Se non ci saranno risposte concrete, lo attueremo”. Pierino Chiandussi, presidente di Confartigianato Trasporti del Fvg, non ha mezze parole e parla di bicchiere ormai stracolmo.

Non solo la crisi in cui versa il settore dell’autotrasporto merci a livello regionale, causata anche del massiccio ricorso al cabotaggio fatto da spedizionieri ed aziende committenti, che utilizzano vettori dell’Est Europa con costi considerevolmente più bassi (1.000 le imprese chiuse in 10 anni), ma ci si mette ora anche il Governo nazionale che non rispetta gli accordi. Il fatto riguarda il mancato rispetto, da parte del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, del protocollo d’intesa siglato con le associazioni degli autotrasportatori, che garantiva ai vettori artigiani il mantenimento delle spese non documentate nella stessa misura dell’anno 2014, si sta trasformando in una mazzata. A pochi giorni dalla scadenza della presentazione della denuncia dei redditi, l’Agenzia delle entrate ha infatti comunicato la riduzione dell’agevolazione nella misura del 70%. “Ci chiedono soldi che non abbiamo – spiega Chiandussi – per il semplice fatto che non li abbiamo accantonati. Questo provvedimento – aggiunge Chiandussi, del tutto inaspettato e contrario agli accordi sottoscritti - mette a rischio la sopravvivenza del comparto vettoriale artigiano perché nella formazione dei noli del 2015, sulla base degli impegni presi con il Governo, non è stato tenuto conto di questi oneri che incidono per migliaia di euro”.

Nella lettera inviata ai parlamentari del Fvg Chiandussi chiede quindi “un tempestivo e risolutivo intervento nei confronti del ministro Del Rio” in assenza della quale non c’è altra strada che attuare il fermo. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Udine usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento