Schiamazzi e ritrovo di pregiudicati, sospesa la licenza al "Bar al Duomo"

Il locale era stato oggetto di numerose segnalazioni da parte dei residenti per disturbo del riposo e della quiete

Nel pomeriggio di ieri il personale della Questura di Udine ha notificato al titolare della caffetteria "Bar al Duomo" di via Vittorio Veneto la sospensione dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande per la durata di 10 giorni a decorrere dalla notifica.

Le motivazioni

In diversi controlli effettuati dal personale della Questura negli ultime tre mesi, nell’ambito dei servizi ordinari e non di controllo del territorio, si è rilevata una costante e considerevole frequentazione da parte di persone gravate da segnalazioni di polizia e precedenti penali. Diversi inoltre gli interventi delle forze di polizia a seguito di chiamate dei cittadini per schiamazzi o musica ad alto volume oltre gli orari consentiti, anche nei mesi precedenti.

Il provvedimento

In applicazione dell’art. 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, il Questore di Udine ha sospeso la licenza dell’esercizio per ragioni di sicurezza ed ordine pubblico. La sospensione di somministrazione di alimenti e bevande ha lo scopo, attraverso la chiusura del locale, di impedire il protrarsi di una situazione di pericolosità sociale nonché finalità di prevenzione, e segue quelle notificate nello scorso mese ai titolari di altri tre esercizi in “borgo stazione”. I controlli a pubblici esercizi e luoghi di aggregazione nel capoluogo udinese proseguiranno anche nelle settimane successive.

Polizia Volante Questura-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • Taylor Mega ubriaca in diretta tv: "sono friulana, l'alcol dovrei reggerlo"

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

Torna su
UdineToday è in caricamento