menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Cuoco ubriaco scaraventa tavoli e sedie e aggredisce i carabinieri, arrestato

L'episodio si è verificato in un locale di Lignano Pineta: l'uomo, un 31enne di Bitonto, è stato arrestato per violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale in flagranza di reato

Ubriaco e violento, scarventa i tavoli di un locale molestando i clienti: arrestato dai carabinieri. Il fatto è avvenuto a Lignano Pineta nella notte di martedì 21 luglio, quando un uomo di 31 anni è stato fermato dai carabinieri in flagranza di reato. 

I fatti

Nella notte di martedì 21 luglio, a Lignano Sabbiadoro, in zona Pineta, i carabinieri della locale stazione, supportati dai colleghi dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Latisana, hanno arrestato in flagranza di reato, per violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, ubriachezza e danneggiamento, un uomo di 31 anni di Bitonto (in provincia di Bari), cuoco stagionale, già noto alle forze dell'ordine. L'uomo, in evidente stato di ebbrezza alcolica, all’interno di una pizzeria al taglio/kebab, senza apparente motivo, aveva iniziato a disturbare gli altri clienti presenti e i dipendenti dell’esercizio, giungendo a scagliare in strada sedie e tavolini.

L'arresto

Vani sono stati i tentativi di calmarlo posti in essere dai militari intervenuti sul posto, i quali, invece, sono stati aggrediti a loro volta con calci e pugni dall’esagitato, che dopo una breve colluttazione è stato ammanettato e dichiarato in arresto. Ma nemmeno questo è bastato, perché il suo atteggiamento violento e scalmanato è proseguito anche in caserma, dove è stato richiesto l’intervento dei sanitari per sedarlo. L’arrestato è stato quindi accompagnato alla casa circondariale di Venezia mentre i quattro carabinieri intervenuti hanno dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso per le percosse ricevute, venendo giudicati guaribili tutti in 2 giorni.
Oggi, convalidato l’arresto, il giovane è stato scarcerato e sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Bitonto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 26 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento