Cuoco ubriaco scaraventa tavoli e sedie e aggredisce i carabinieri, arrestato

L'episodio si è verificato in un locale di Lignano Pineta: l'uomo, un 31enne di Bitonto, è stato arrestato per violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale in flagranza di reato

Immagine d'archivio

Ubriaco e violento, scarventa i tavoli di un locale molestando i clienti: arrestato dai carabinieri. Il fatto è avvenuto a Lignano Pineta nella notte di martedì 21 luglio, quando un uomo di 31 anni è stato fermato dai carabinieri in flagranza di reato. 

I fatti

Nella notte di martedì 21 luglio, a Lignano Sabbiadoro, in zona Pineta, i carabinieri della locale stazione, supportati dai colleghi dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Latisana, hanno arrestato in flagranza di reato, per violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, ubriachezza e danneggiamento, un uomo di 31 anni di Bitonto (in provincia di Bari), cuoco stagionale, già noto alle forze dell'ordine. L'uomo, in evidente stato di ebbrezza alcolica, all’interno di una pizzeria al taglio/kebab, senza apparente motivo, aveva iniziato a disturbare gli altri clienti presenti e i dipendenti dell’esercizio, giungendo a scagliare in strada sedie e tavolini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arresto

Vani sono stati i tentativi di calmarlo posti in essere dai militari intervenuti sul posto, i quali, invece, sono stati aggrediti a loro volta con calci e pugni dall’esagitato, che dopo una breve colluttazione è stato ammanettato e dichiarato in arresto. Ma nemmeno questo è bastato, perché il suo atteggiamento violento e scalmanato è proseguito anche in caserma, dove è stato richiesto l’intervento dei sanitari per sedarlo. L’arrestato è stato quindi accompagnato alla casa circondariale di Venezia mentre i quattro carabinieri intervenuti hanno dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso per le percosse ricevute, venendo giudicati guaribili tutti in 2 giorni.
Oggi, convalidato l’arresto, il giovane è stato scarcerato e sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Bitonto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, una 28 enne finisce in terapia intensiva

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • Un friulano è "fotografo dell'anno" per National Geographic

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Non ce l'ha fatta il giovane Cristian, morto a soli 23 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento