menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fontanini scrive alla presidente Boldrini: si voti subito il disegno di legge sul passaggio di Sappada in Friuli

La popolazione di Sappada attende dal referendum del 2008

“Le chiedo di farsi Garante affinché la votazione alla Camera del disegno di legge sul passaggio di Sappada in Friuli avvenga entro questa settimana: un ulteriore rinvio potrebbe significare il naufragio del provvedimento addirittura alla prossima legislatura e, per la comunità di Sappada, questo significherebbe permanere in una situazione di incertezza difficile da sopportare ma anche di sfiducia nei confronti delle istituzioni. I cittadini di Sappada si sono comportati, in tutti questi anni, nel pieno rispetto della Costituzione e del Parlamento italiano, rispetto che oggi, a loro volta, meritano”. È la richiesta che il presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini ha inviato oggi alla Presidente della Camera Laura Boldrini.

L'appello

“Sono giorni di grande attesa ma anche di forte preoccupazione per la popolazione di Sappada che auspica nel positivo epilogo del percorso avviato con il referendum del 2008, consultazione che ha sancito la volontà di passare dalla Regione Veneto alla Regione Friuli Venezia Giulia” esordisce, nella missiva, il presidente Fontanini ricordando poi i 9 anni di attesa da parte di Sappada del trasferimento per il quale tutti i passaggi amministrativi sono stati rispettati, “ma la conclusione vera e propria, che tanto sta a cuore alla Comunità, - sottolinea il presidente - è il voto definitivo della Camera in risposta a quell’istanza, un pronunciamento non più procrastinabile”. Una comunità quella di Sappada che il presidente Fontanini conosce bene e che “è stremata: le ultime strumentalizzazioni politiche hanno allungato a dismisura i tempi della decisione incrinando anche la fiducia dei cittadini”. 

L'iter

La Provincia di Udine ha seguito da vicino l’iter del passaggio fin dai suoi primi passi; il Consiglio Provinciale si è più volte pronunciato affinché la Repubblica sia rispettosa della volontà dei sappadini che, per motivi storici e di appartenenza culturale (Sappada fa parte dell’Arcidiocesi di Udine e, in questo territorio, si parla un antico dialetto tedesco), chiedono di poter ritornare nella Provincia di Udine e nella Regione Friuli Venezia Giulia ritenendo che, in questo ambito, la loro specificità culturale può essere meglio tutelata. 
Fontanini ha sottolineato, inoltre, che nei vari passaggi previsti dal percorso parlamentare, vi rientrano le fondamentali pronunce dei Consigli Regionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, espressioni che hanno reso il processo completo e conforme all’articolo 132 della Costituzione Italiana. Il presidente della Provincia di Udine ha sollecitato il voto della Camera sul passaggio entro la settimana auspicando che sia in continuità con il pronunciamento del Senato e, quindi, favorevole alle attese dei sappadini. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Attualità

Coronavirus FVG, 208 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento