menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianluca Salviato

Gianluca Salviato

Rapito e liberato in Libia: ora rischia il licenziamento

Gianluca Salviato, tecnico veneto della Ravanelli di Venzone, paga la chiusura del cantiere africano della ditta per cui lavora. Fino al 31 gennaio sarà in cassa integrazione, poi il futuro non è certo

A due mesi dal giorno della sua liberazione è arrivata la brutta notizia: Gianluca Salviato, il tecnico veneto, dipendente della Ravanelli di Venzone, rapito in Libia rischia di perdere il lavoro. L'azienda della pedemontana ha infatti deciso di chiudere il cantiere in Libia dopo il suo rapimento. Ora, assieme ad altri 14 colleghi, Salviato rischia il licenziamento. Sono tutti in cassa integrazione fino al 31 gennaio, ma da febbraio - secondo i sindacati - andranno in mobilità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento