Da dipendenti a titolari: il nuovo salone di Udine nato dopo il lockdown

La storia di Sara e Viviana, due giovani friulane che hanno deciso di rilevare un salone storico di Udine nonostante il periodo economico delicato

Nuova esperienza, nuova vita per due giovani imprenditrici friulane che, dopo la lunga chiusura dettata dell'emergenza sanitaria, non si sono fermate e hanno messo in cantiere un nuovo progetto: rilevare un salone storico di Udine subito dopo la fine del lockdown.

Nuova apertura

Le protagoniste sono Sara Cantier, 27 anni e Viviana Piorico, 33 anni, diventate le due socie del Salone Elegance, negozio di viale Volontari con 46 anni di storia. "Io e la mia collega lavoravamo già all'interno del salone come dipendenti, Sara da dieci anni, io invece ho fatto anche qualche altra esperienza – ci fa sapere Viviana -. Subito dopo il Covid, la proprietaria ha deciso di lasciare l'attività, e noi abbiamo colto la palla al balzo". Il salone, con la nuova gestione, ha riaperto i battenti il 26 maggio.

I primi mesi

Ovviamente, i primi mesi sono stati di rodaggio. "Io e la mia socia all'inizio ci siamo un po' spaventate, perché abbiamo aperto da un momento all'altro, è stata una sorpresa arrivata subito dopo l'emergenza, ma non ci siamo tirate indietro e ci siamo ripromesse di buttarci in questa nuova esperienza". Nonostante il periodo difficile, però, "i primi mesi sono andati bene, le vecchie clienti del salone sono tutte tornate da noi e abbiamo avuto anche dei clienti nuovi".

I progetti

Prossimi obiettivi? "Rinnovare il negozio e aumentare la nostra clientela, crescere ancora di più. Se prima non è stato possibile, ora vogliamo investire su arredamenti nuovi e sul rimodernamento del salone". I lavori di ristrutturazione dovrebbero partire in estate o a settembre, "sperando di non essere costrette a richiudere con l'arrivo dell'autunno". Per ora, infatti, le due giovani hanno dovuto riaprire il negozio così com'era, "perché in quel periodo non era possibile comprare niente né fare dei lavori".

Covid

"Il periodo del covid è stato difficile per tutti, anche per noi, ma poi c'è stata questa offerta, che abbiamo dovuto valutare in poche settimane. Per ora siamo solo noi due, ma presto vorremmo crescere anche il nostro personale e avere altri dipendenti". Anche se il lockdown è passato, continua comunque l'impegno per garantire la sicurezza delle clienti. "Siamo molto precise nel seguire le norme igienico-sanitarie, cerchiamo di fare tutto il possibile, e questo viene apprezzato dalle clienti, anche se c'è qualcuno, per fortuna la minoranza, che si lamenta ancora delle regole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • Da modello a disastro: la lettera di denuncia dei medici del Pronto Soccorso di Udine

  • Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

  • Dati in miglioramento: oggi la decisione del governo sul nuovo colore del Fvg

  • Nuovo record di contagi in FVG, oggi 1432 nuovi positivi e 25 morti

  • Niente spostamenti a Natale e Capodanno, vietato uscire dal Comune

Torna su
UdineToday è in caricamento