Cronaca Centro / Via Mercatovecchio

Ancora 40 giorni di ritardo e 172mila euro di spese in più: Salmè all'attacco su Mercatovecchio

Il segretario di Io Amo Udine attacca la giunta sulla questione Mercatovecchio: oltre al ritardo sulla consegna e all'aumento dei costi, criticata la gestione delle periferie

Non solo gli esercenti della via e l'opposizione guardano di cattivo occhio i lavori di Mercatovecchio, anche l'ex alleato del sindaco Pietro Fontanini, Stefano Salmè della lista Io Amo Udine, adesso passa all'attacco. 

Difficile ricordare a Udine una gestione dei lavori pubblici così fallimentare. Dopo le comiche legate alla segnaletica di via Aquileia, la “Saga Mercatovecchio” si arrichisce di un nuovo episodio. La giunta Fontanini, nella seduta del 20 dicembre, è dovuta nuovamente intervenire per mettere una toppa, rispetto la gestione dei lavori di via Mercatovecchio. Dopo una serie infinita di premesse, utili solo a mascherare il pressapochismo gestionale, la giunta ha deliberato lo stanziamento di ulteriori 171.812 euro per fare fronte ad aumenti di costi, motivati unicamente dalle altalenanti decisioni del sindaco e del suo vice, sul destino della via. Ma se non bastasse la nuova emorragia di denaro pubblico, che si aggiunge all’aumento di 220.000 già deciso con deliberazione del consiglio comunale del 29 novembre, la giunta Fontanini alza bandiera bianca anche sui tempi di realizzazione dell’opera. Nella delibera si ammette che i lavori subiranno addirittura uno slittamento di 40 giorni lavorativi. Una vera e propria debacle, che mal si concilia con i proclami propagandistici del sindaco. Nel frattempo le periferie, così accarezzate in campagna elettorale, vengono completamente dimenticate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora 40 giorni di ritardo e 172mila euro di spese in più: Salmè all'attacco su Mercatovecchio

UdineToday è in caricamento