Comitato Salviamo Viale Venezia, "Nessuna rotonda, ipotesi di illeciti gravissimi"

Secondo il Comitato salviamo Viale Venezia su Michelini ipotesi di abuso d'ufficio, omesso controllo e danno erariale.

Immagine d'archivio

I lavori di viale Venezia non possono incominciare, contrariamente a quanto asserito dal vicesindaco Michelini": il Comitato “Salviamo viale Venezia”, attraverso la portavoce Irene Giurovich, fa sapere che la rotonda in viale Venezia, angolo via Ternova, non può essere realizzata, in quanto sono ancora pendenti almeno due ricorsi al TAR, le cui udienze sono fissate ad ottobre, pertanto non può muovere alcunché Michelini che, già per il fatto di aver fatto emanare la recente ordinanza, si macchia di abuso d'ufficio su cui si chiede all'autorità giudiziaria di indagare. “L'inizio dei lavori è quindi assolutamente un azzardo oltre che configurare vari reati. Se i lavori dovessero iniziare lunedì, chiederemo alla forza pubblica di intervenire e riterremo Michelini responsabile civilmente e penalmente". Inoltre, il progetto è oggetto di procedimento penale a carico della giunta, del progettista e di Acegas per false attestazioni in merito alla rispondenza alla normativa vigente sull'illuminazione pubblica.

L'integrazione

Il Comitato “Salviamo viale Venezia” ha inviato un'integrazione urgente all'esposto già presentato in Procura sollevando l'illegittimità di quanto vorrebbero fare Michelini e i suoi, in aperta violazione delle leggi dello Stato Italiano. "Forse che Michelini e i suoi - afferma il Comitato - si credono superiori alle leggi? Hanno forse un loro codice?". Il Comitato sprona ulteriormente l'autorità giudiziaria affinchè non resti a guardare questo scempio: "Ci auguriamo che la Procura si attivi tempestivamente, prima che sia troppo tardi, per far ripristinare il rispetto dell'ordinamento, visto che pare che in caso di inadempienza Michelini potrebbe essere accusato di reati gravissimi fra cui abuso d'ufficio, danno erariale e omesso controllo!".

Il Comitato aveva precedentemente chiesto a sindaco, assessori e consiglieri di assumere decisioni a tutela di viale Venezia, sito di notevole valenza storica e ambientale così come già definito nel parere del 18 ottobre 2019 a firma della Soprintendenza del FVG. La problematica era stata posta in aula consiliare, nella quale è emerso che esistono soluzioni già approvate dal Consiglio Comunale più efficaci, meno costose e impattanti, per risolvere i nodi di viabilità, inquinamento e sicurezza di Viale Venezia, rispetto alla realizzazione di tre rotonde.

Causa la complessità del tema, si procedeva formalmente al rinvio - non fu un ritiro - in Commissione per gli opportuni approfondimenti. L'imminente inizio dei lavori senza che la Commissione abbia avuto luogo avviene quindi in totale spregio all'impegno formalmente assunto dal presidente del Consiglio comunale e dal vicesindaco. La riunione di tale Commissione, a fronte dell'annunciato inizio dei lavori, viene svuotata di ogni significato e utilità.

L'interesse privato non può portare alla modifica della viabilità mediante una rotonda stravolgendo un viale storico come v.le Venezia, come sta avvenendo, vista la frase della convenzione stipulata tra le parti: "Tutto ciò per rendere più agevole e sicuro l'ingresso all'immobile della società "promotore" anche in vista di una ristrutturazione del punto vendita...".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre, a seguito di accesso atti, rileviamo che nessuna richiesta di verifica della perizia di parte del forestale Antonio De Mezzo, incaricato dalla Lidl, è stata richiesta ai tecnici del verde pubblico del Comune di Udine; così pure resta senza risposta la richiesta di motivare il parere positivo reso dai tecnici comunali Croppo e Shaurli, fornito in presenza di precedenti documenti contraddittori, ad oggi né annullati, né modificati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento