rotate-mobile
Sicurezza / Povoletto

Rogo di santa Caterina, un mese fa il blitz in un'altra struttura della stessa cooperativa

L'assessore regionale alla Sicurezza Pierpaolo Roberti: "Dopo il blitz, abbiamo intensificato il dialogo con le Prefetture. Ora, per quanto concerne l'incendio, attendiamo il corso delle indagini"

"C'è sconcerto e dolore per il tragico incendio nella comunità di Pasian di Prato e al tempo stesso attesa per capirne esattamente la dinamica e le responsabilità".

Sono parole dell'assessore regionale alla Sicurezza Pierpaolo Roberti sul rogo che ha investito la scorsa notte una comunità per minori non accompagnati e in cui ha perso la vita un ragazzo albanese di 17 anni e altri ospiti sono rimasti gravemente feriti.

"Già dopo il blitz di un mese fa delle forze dell'ordine nella struttura di Povoletto gestita dalla stessa Aedis - ha rilevato Roberti - abbiamo intensificato l'interlocuzione con le prefetture sul tema dell'adeguatezza dei centri per minori”.

Una materia su cui l'attenzione della Regione è alta, come testimonia l'approvazione del nuovo regolamento sulle procedure per l'autorizzazione e l'accreditamento di strutture socioassistenziali, socioeducative e sociosanitarie a favore di minori che entrerà in vigore domani. “Sul gravissimo fatto di Pasian di Prato - ha concluso l'assessore - attendiamo ora il corso delle indagini per capire se è accaduto l'imponderabile o se, viceversa, l'incendio è riconducibile a inadempienze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rogo di santa Caterina, un mese fa il blitz in un'altra struttura della stessa cooperativa

UdineToday è in caricamento