menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"La miglior regione vinicola italiana di cui non avete sentito parlare"

È così che il portale Smithsonian.com, proiezione sul web del mensile che fa riferimento al prestigioso istituto statunitense, definisce il nostro territorio in un articolo pubblicato pochi giorni fa

«La mia storia d'amore è iniziata con aria dubbiosa una notte in un ristorante a Venezia 19 anni fa quando, come gli americani sono soliti fare, ho istintivamente ordinato una bottiglia di Pinot Grigio . Il cameriere tornò con una bottiglia di sua scelta e mi versò un bicchiere. Bere è stato come prendere il primo morso di una mela d'oro matura. Ho afferrato la bottiglia e studiato l'etichetta come se potesse contenere i codici nucleari». Quella bottiglia arrivava dal Collio, e lo “scopritore” è Robert Draper, scrittore americano e firma - tra gli altri - di New York Times, National Geographic e GQ. Draper ha raccontato la sua eno-esperienza sulle pagine web dello Smithsonian, organo ufficiale del prestigioso istituto di ricerca made in Usa. Un articolo tutto da "gustare", che esalta una zona poco conosciuta nel resto del mondo («Non pensavo che ci fosse qualcosa a est di Venezia in Italia»), con le sue aziende vinicole, le sue trattorie e le sue tipicità.

L'ARTICOLO DI ROBERT DRAPER

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento